Sabato 19 Aprile 2014
CORSI
|
LINK
|
MEDIA GALLERY
|
COMMUNITY
|
REGISTRATI
|
LOGIN
LOGIN
ACCEDI
Il Giornale della Protezione Civile
Feed RSS
Facebook
Twitter
YouTube
Procivibook
YouReporter
Google Plus

ACCORDO TRA MARCHE E PROCIV PER L'USO DI FREQUENZE RADIO
Le frequenze radio VHF saranno utilizzabili nelle comunicazioni tra operatori regionali e sale operative anche al di fuori delle Marche
Mercoledi 26 Gennaio 2011 - ISTITUZIONI
E' stato firmato oggi presso la sala operativa regionale di protezione civile il rinnovo della convenzione tra Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della protezione civile, ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per le comunicazioni e la Regione Marche, per l'utilizzo delle frequenze radio dedicate alla protezione civile e destinate alla Regioni. A sottoscriverlo il direttore del dipartimento della Protezione civile della Regione Marche, Roberto Oreficini, il rappresentante del dipartimento per le comunicazioni del ministero dello Sviluppo Economico, Luciano Baldacci e il delegato dal capo Dipartimento nazionale di Protezione civile, Colonnello Cesare Castiglioni.

La convenzione ha durata quadriennale e rinnova e integra il protocollo d'intesa siglato nel 2006 stabilendo che la Regione può utilizzare frequenze radio dedicate per migliorare le radiocomunicazioni nel proprio territorio e anche fuori regione. Vengono rese disponibili a titolo gratuito alla Regione, le frequenze che dovranno essere utilizzate esclusivamente dalla stessa per l'utilizzo delle reti radio destinate alle comunicazioni di protezione civile al fine di poter coordinare tutte le fasi legate alla gestione dell'emergenza, nonché per collegare tutte le strutture del volontariato.

Le Marche, rispetto alle altre regioni, sono state una delle prime a dotarsi della rete nazionale delle comunicazioni. Infatti, è stata utilizzata anche durante il sisma dell'Abruzzo, rendendo più semplice ed efficace il flusso delle comunicazioni fra tutte le componenti del sistema nazionale della protezione civile intervenute per fronteggiare la drammatica calamità. Le frequenze VHF disponibili vengono utilizzate con l'impiego di ripetitori che mettono in collegamento radio portatili, fisse e mobili veicolari in grado di comunicare non solo con operatori della nostra regione, ma anche con sale operative di altre regioni e con quella nazionale impostando le appropriate frequenze. Queste verranno utilizzate conformemente e rigorosamente a quanto indicato nello schema del piano nazionale delle frequenze.

Red.- gz


TAGS
Accordo | Marche | frequenze radio |
COMMENTI [0] [+] AGGIUNGI UN COMMENTO
PUBBLICITA  
METEO  
clear
COPYRIGHT 2009 © CERVELLI IN AZIONE SRL IT P.IVA 02848751208. IL GIORNALEDELLAPROTEZIONECIVILE.IT Č REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI BOLOGNA
PRIVACY POLICY | CHI SIAMO | CONTATTI | PUBBLICITA' POWERED BY ANTHERICA SRL