Venerdi 28 Novembre 2014
CORSI
|
LINK
|
MEDIA GALLERY
|
COMMUNITY
|
REGISTRATI
|
LOGIN
LOGIN
ACCEDI
Il Giornale della Protezione Civile
Feed RSS
Facebook
Twitter
YouTube
Procivibook
YouReporter
Google Plus

COSTA CONCORDIA: COME PROSEGUONO I LAVORI
L'Osservatorio sulla Costa Concordia ha reso noto ieri come sta proseguendo il lavoro per la rimozione del relitto e la tutela ambientale. Ha poi partecipato anche ad un incontro con la popolazione del Giglio per rispondere alle loro domande
Domenica 2 Settembre 2012 - DAL TERRITORIO
Nuovo appuntamento di lavoro ieri mattina per l'Osservatorio sulla Costa Concordia, l'organismo che coordina e monitora tutta l'attività del progetto di recupero della nave naufragata di fronte all'isola dell'Arcipelago toscano e in cui sono rappresentati tutti i soggetti pubblici e privati coinvolti nella vicenda.

E' stato reso noto da Maria Sargentini, presidente dell'Osservatorio, che il lavoro della Titan-Micoperi va avanti nel rispetto del cronoprogramma stabilito e al contempo prosegue in maniera costante e quotidiana l'azione di controllo sulla sicurezza da parte degli organismi preposti, in particolare Guardia Costiera e Asl insieme al monitoraggio da parte di Arpat e Ispra.

Quanto ai rischi di inabissamento dello scafo, "smentisco ancora una volta, a nome di tutto l'Osservatorio, questa ipotesi", ha spiegato Sargentini. "I lavori di messa in sicurezza - ha aggiunto - proseguono regolarmente, e quotidianamente i sub della Capitaneria verificano lo stato del relitto e la corretta esecuzione dei lavori. Prosegue l'attività di monitoraggio dell'Università di Firenze sugli eventuali spostamenti del relitto, che al momento non sussistono, oltre al monitoraggio da parte dell'Università la Sapienza sulla qualità delle acque e sull'ecosistema marino. E continuano il rilevamento e l'analisi della qualità dell'aria e del rumore".

Quindi anche sulla sicurezza ambientale, dalla riunione di ieri, è uscita la conferma di "un preciso piano di controllo delle alterazioni in corso e di quelle, sia pure lievi, che inevitabilmente i lavori di recupero potranno comportare. Il monitoraggio è minuzioso e i piani di ripristino sono continuamente aggiornati".

Per quanto riguarda il trasferimento dello scafo una volta recuperato, restano aperte tutte le ipotesi, perché sono ancora in corso le ricognizioni per stabilire la scelta definitiva. "L'opzione di una sede toscana è quella indicata dal presidente Enrico Rossi e per la Regione è quella auspicabile - sottolinea Maria Sargentini - ma la decisione dipende da molti fattori ancora imprecisi".

Maria Sargentini ha partecipato ieri anche ad un incontro pubblico con i cittadini del Giglio, presente il sindaco Sergio Ortelli, per fare il punto sulla situazione e rispondere alle domande dei cittadini stessi. "Un atto dovuto di condivisione delle conoscenze e della situazione qual'é al momento con la popolazione isolana - ha affermato -. E' essenziale che i cittadini del Giglio, così colpiti da questa vicenda, siano pienamente consapevoli degli sforzi che autorità e privati stanno compiendo per superare completamente questa situazione di crisi".

All'incontro è stata attuata una presentazione con immagini di quale sarà nelle prossime settimane e mesi, fino alla data limite prevista nel maggio 2013, lo sviluppo dei lavori di recupero. Particolare attenzione, grazie alla presenza degli studiosi dell'Università di Roma, è stata posta all'azione di tutela ambientale e al futuro ripristino dei fondali interessati dal "disturbo" dei lavori di recupero del relitto. Inoltre sono stati sottolineati i giudizi dell'Arpat sullo stato delle acque del Giglio, rapporti positivi che tranquillizzano la popolazione isolana.


Le domande dei cittadini sono state centrate sulla richiesta di sicurezza e certezza sui tempi. Ma anche sulla fiducia che il progetto di recupero ispira e alla necessità di evitare allarmismi sullo stato della situazione. A questo proposito, la presidente Sargentini ha sottolineato il ruolo dell'Osservatorio nella gestione dei rapporti con gli enti titolari delle (peraltro indispensabili) autorizzazioni di legge; e del rapporto con le associazioni. Tra pochi giorni è ad esempio già fissato un incontro con quelle ambientaliste per fugare ogni dubbio sul lavoro in corso.


Redazione/sm
Fonti: Ansa, Regione Toscana
TAGS
concordia | costa | crociere | naufragio | giglio | relitto | recupero | osservatorio | ispra | arpat | cittadini | ambiente | tutela | fondali | inabissamento |
COMMENTI [0] [+] AGGIUNGI UN COMMENTO
PUBBLICITA  
METEO  
clear
COPYRIGHT 2009 © CERVELLI IN AZIONE SRL IT P.IVA 02848751208. IL GIORNALEDELLAPROTEZIONECIVILE.IT Č REGISTRATO PRESSO IL TRIBUNALE DI BOLOGNA
PRIVACY POLICY | CHI SIAMO | CONTATTI | PUBBLICITA' POWERED BY ANTHERICA SRL