fonte EDO European Drought Observatory

Desertificazione, Abruzzo, Molise e Sicilia in zona rossa

L'Anbi lancia l'ennesimo allarme facendo riferimento ai dati sull'Italia dell'osservatorio europeo sulla siccità

La crisi climatica porta con sé un problema di cui si parla meno ma è comunque presente: la siccità. Secondo le elaborazioni dell'European Drought Observatory (EDO) anche in Italia vi sono zone di forte siccità che stanno andando verso la desertificazione, delle “zone rosse” che coincidono con le aree interne di Abruzzo e Molise, nonché con le aree del siracusano in Sicilia. Lo stesso osservatorio classifica "arancioni" una vasta porzione del Piemonte, la costa romagnola, territori sparsi di Toscana ed Umbria, e tocca anche zone alpine di Val d'Aosta ed Alto Adige.

Le variabili analizzate
L'indicatore di siccità CDI dell'Osservatorio combina tre indicatori: il confronto tra le precipitazioni attuali e quelle degli anni passati nello stesso periodo, l'anomalia di umidità del suolo e la valutazione dell'impatto della siccità sulla vegetazione. "Il fenomeno della siccità è ormai un problema europeo, intaccando anche le zone centrali del Continente -, commenta Francesco Vincenzi, Presidente dell'Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) -. È urgente l'avvio di un Piano Invasi medio-piccoli ad iniziare dalle zone, dove più evidente è il deficit idrico, perché più si aspetta più sarà difficile invertire la tendenza verso l'inaridimento del suolo".

I bacini siciliani

Le tendenze segnalate dall'EDO sono confermate dall'andamento settimanale secondo l'analisi dell'Osservatorio Anbi sulle Risorse Idriche. La situazione più preoccupante resta quella della Sicilia, i cui bacini stanno registrando un volume complessivo pari a 498,99 milioni di metri cubi, cioè il 50,66% della capacità totale (mc. 984,75 milioni), confermando il trend decrescente del decennio, ma soprattutto risultando inferiore al 2020, caratterizzato da una forte siccità nell'Isola.

Red/cb
(Fonte: Ansa)