(fonte foto: Regione Marche)

Terremoto Centro Italia: 30mila sfollati, di cui 22mila nelle Marche

Continua a salire il numero degli sfollati conseguenti ai tre forti terremoti che hanno colpito il Centro Italia: secondo l'ultimo aggiornamento sono ben 30mila le persone assistite dal Servizio Nazionale della Protezione Civile nelle 4 regioni colpite

Sono quasi 30mila le persone assistite dal Servizio Nazionale della Protezione Civile in seguito alle forti scosse di terremoto che hanno colpito il territorio dell'Italia centrale il 24 agosto, il 26 ottobre e il 30 ottobre. Il dato è stato diffuso oggi del Dipartimento nazionale della Protezione civile, nel consueto aggiornamento.
In particolare, sono oltre 20.600 le persone assistite nell'ambito del proprio comune, di cui:
- più di 18.500 in palazzetti, centri polivalenti e strutture allestite ad hoc,
- oltre 2mila trovano alloggio in strutture ricettive messe a disposizione sul territorio.
- circa 8.500 le persone accolte presso le strutture alberghiere lungo la costa adriatica e sul lago Trasimeno
- circa 650 persone fra Lazio, Marche e Umbria sono assistite in tenda.

Regione Marche
Nella Regione Marche sono più di 22mila gli assistiti: oltre 14mila in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale, circa 830 in strutture ricettive sul territorio e più 7mila negli alberghi della costa.

Regione Umbria
In Umbria sono oltre 5mila gli assistiti: quasi 2.800 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale, più di 600 in tenda, altrettanti in strutture ricettive sul territorio e circa 1.000 negli alberghi individuati nella stessa Regione, sul lago Trasimeno​.

Regione Lazio
La Regione Lazio conta più di 800 assistiti: circa 160 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale, una quarantina in tenda, un centinaio in strutture ricettive sul territorio e quasi 500 negli alberghi della costa adriatica.

Regione Abruzzo
Nella Regione Abruzzo, infine, sono quasi 2mila gli assistiti: oltre 1.350 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale, circa 550 in strutture ricettive in ambito comunale e una decina in hotel sulla costa adriatica.

"È bene ricordare - sottolinea il DPC - che i dati sono da considerarsi in continua evoluzione e aggiornamento".


red/pc
(fonte: DPC)