"I Giovedì del Disaster Manager", al via il ciclo di webinar di Assodima

Gli incontri di approfondimento in materia di protezione civile saranno tenuti da massimi esperti del sistema e si svolgeranno a partire dal 3 dicembre 2020 e fino al 22 aprile 2021

Articolo promozionale

L’attuale contesto emergenziale ci ha visti deboli di fronte a un nemico invisibile e sconosciuto che ha messo in luce i limiti nell’affrontare questa nuova sfida. La preparazione, la formazione e l’addestramento devono essere i punti cardine di chi lavora in ambito di protezione civile e l’attenzione va sempre mantenuta alta sulle novità.

Forte dell’esperienza maturata nell’alta formazione, soprattutto in e-learning, l’Associazione Nazionale Disaster Manager propone “I Giovedì del Disaster Manager”, un ciclo di 18 Webinar di approfondimento in protezione civile tenuti da massimi esperti del sistema, in programma dal 3 dicembre 2020 al 22 aprile 2021.

“L’Assodima è per legge e per vocazione impegnata nella formazione dei propri iscritti e nella divulgazione della cultura di protezione civile per il continuo miglioramento di figure preposte alla gestione delle emergenze – ci spiega il Presidente Sergio Achille –  per questo abbiamo chiesto a esperti e tecnici di approfondare temi che vanno dalla comunicazione in emergenza a nuovi modelli di risposta ad eventi, dall’applicazione di nuove tecnologie per l’early warning al rapporto tra politica e protezione civile, fino ad arrivare alla fase di ricostruzione, non dimenticando il ruolo del Disaster Manager”. 

I diciotto webinar inizieranno giovedì 3 dicembre alle ore 21 con l’intervento di Fabrizio Curcio, Capo Dipartimento Casa Italia e già Capo Dipartimento Protezione Civile, che parlerà delle nuove competenze di Casa Italia e del coordinamento delle ricostruzioni post-emergenza. Un inizio di rilievo che farà da apripista a relazioni di qualità lungo un percorso innovativo e di sicuro interesse per chiunque operi nella protezione civile e nell’emergenza.

La scaletta dei relatori vede, oltre a Curcio, Susanna Balducci e Daniel Fiacchini che ripercorreranno i sedici anni di attività del Gores, il gruppo operativo delle Marche; Patrizia Verrusio che proverà a descrivere il rapporto tra politica e dirigenza in protezione civile; Giancarlo Manfredi con l’intervento sulla comunicazione in emergenza durante questa pandemia e una case history sull’app Immuni; Michela Prioli sulla tecnologia europea di early warning degli inneschi degli incendi boschivi; Stefano Barogi sempre sull’early warning ma in tema di terremoti e rischi ambientali; Rosa Anna Favorito spiegherà quali competenze sono necessarie per innovare le organizzazioni; Dante Ferraris percorrerà i flussi informativi interni e verso la popolazione; Luca Ciarleglio analizzerà le modalità di gestione di aree e centri di accoglienza in contesto Covid; Roberto Pizzi metterà in dubbio la bontà delle esercitazioni nel miglioramento della risposta all’emergenza; Filippo Thiery sulla predicibilità degli eventi meteorologici; Paola Valeri relazionerà dell’impatto di credenze e valori sulle scelte del DIMA; Leonardo Cerri sottolineerà l’importanza della pianificazione in protezione civile; Angelo Corazza sui cambiamenti climatici e le misure di prevenzione adottabili; Enrico Bernini Carri che illustrerà il progetto della Scuola Internazionale di Maxiemergenze; Paolo Masetti con un doppio intervento racconterà cosa fa un Sindaco in protezione civile, tra il “dover essere” e il “saper fare”, e quanto è stato importante comunicare con i cittadini durante questa pandemia; Roberto Oreficini Rosi metterà in mostra l’importanza della gestione nell’ambito del Servizio Nazionale della Protezione Civile dei servizi pubblici essenziali.

A partire dal 3 dicembre per diciotto giovedì si parlerà di protezione civile con “I Giovedì del Disaster Manager” e con l’Associazione Nazionale Disaster Manager. 

Tutte le informazioni per iscriversi sono su www.assodima.it.