(foto: sito web Dipartimento della Protezione Civile - www.protezionecivile.gov.it)

-10 giorni a ''Io non rischio'': 11/12 ottobre appuntamento nelle piazze

Tra 10 giorni tornerà nelle piazze italiane il weekend della campagna informativa "Io non rischio" sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. L'appuntamento è in oltre 150 piazze

Inizia oggi il countdown per il weekend di "Io non rischio": -10 giorni!
Sabato 11 e domenica 12 ottobre torna infatti nelle
piazze italiane la campagna informativa sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Oltre 2.000 volontari, appartenenti a organizzazioni nazionali, gruppi comunali e associazioni locali di protezione civile, allestiranno punti informativi in 150 piazze distribuite su quasi tutte le regioni italiane, per sensibilizzare i propri concittadini sui rischi che interessano il loro territorio.

La novità di quest'anno vedrà in alcune piazze, in via sperimentale, anche un nuovo tema: il rischio alluvione, che si affianca così al rischio sismico e al rischio maremoto già sperimentati negli anni passati.

Nello spirito di "Io non rischio" il volontariato di Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano ancora una volta insieme per diffondere la cultura della prevenzione. I volontari e le volontarie, formati per sensibilizzare i propri concittadini nei territori dove operano quotidianamente, illustreranno cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un'alluvione, un terremoto o un maremoto.

La campagna è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L'inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica. L'iniziativa, come ogni anno, si realizzerà anche grazie al supporto delle istituzioni locali - Sindaci, strutture di protezione civile regionali, Anci e Upi.

L'elenco dei comuni interessati è online sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, dove è inoltre possibile consultare i materiali informativi su rischio sismico, alluvione o maremoto.


Redazione/sm

(fonte: DPC)