25 aprile 2016: 71 anni di libertà

La Festa della Liberazione si celebra in tutta Italia, con manifestazioni e commemorazioni partecipate. Tra le tantissime iniziative programmate per oggi, ne abbiamo scelte alcune da proporvi

Come sempre, ogni 25 aprile, l'elenco delle manifestazioni che celebrano l'anniversario della Liberazione del nostro paese dall'esercito tedesco sono numerosissime e prevedono cortei, commemorazioni, testimonianze dei partigiani. Abbiamo scelto per voi alcuni appuntamenti, per festeggiare i 71 anni da quel 25 aprile 1945.

ALESSANDRIA
- La manifestazione del 71° Anniversario della Liberazione, 25 Aprile 2016 avrà luogo ad Alessandria a partire dalle ore 8 presso il Cimitero Urbano monumentale e, a seguire con diversi momenti, in Cittadella, con la Messa in Duomo e la formazione del Corteo, seguito dal trasferimento presso il Monumento ai Caduti presso i Giardini pubblici di Corso Crimea. Al termine dello schieramento del picchetto d'onore interforze, l'alzabandiera e la deposizione delle corone di alloro al Monumento e i saluti di Dario Gemma, Presidente Anpi Alessandria, avrà luogo l'orazione ufficiale dell'Avvocato Massimo Bianchi, figlio di Adriano Bianchi, Comandante partigiano decorato con medaglia d'argento al valor militare. La cerimonia sarà animata dalla Banda Civica Orchestra di fiati ‘G. Cantone‘ di Alessandria.


ALPETTE (TORINO) - Lunedì 25 aprile le celebrazioni per il 71° anniversario della Liberazione inizieranno alle 9,30 ad Alpette con il ritrovo nella piazza intitolata al comandante partigiano "Titala", al secolo Battista Goglio. Sarà celebrata una Messa e saranno deposte corone d'alloro al monumento ai caduti di tutte le guerre, al monumento agli Alpini, al cippo dedicato agli ex internati e al sacrario. La commemorazione sarà tenuta dal Presidente della sezione ANPI di Alpette Giovanni Ferrero, mentre l'oratore ufficiale della manifestazione sarà il comandante partigiano Franco Berlanda. Alle 11,30 all'Ecomuseo del Rame il Sindaco Silvio Varetto conferirà la cittadinanza onoraria di Alpette al Comandante Berlanda. Si intitola "A rischio della propria vita" la mostra che, in occasione del 71° anniversario della Liberazione, sarà inaugurata domenica 24 aprile alle 16 a all'Ecomuseo del Rame, del Lavoro e della Resistenza ad Alpette, per iniziativa dell'amministrazione comunale di Alpette e del Consolato onorario di Polonia in Torino, in collaborazione con il Museo della Storia degli Ebrei Polacchi POLIN, il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Polonia, il Consolato Generale di Polonia in Milano, la Città Metropolitana di Torino, la Comunità Polacca di Torino, la sezione di Alpette dell'ANPI-Associazione Nazionale Partigiani e il locale gruppo dell'ANA-Associazione Nazionale Alpini. La mostra era stata allestita per la prima volta a Palazzo Cisterna - sede della Città Metropolitana di Torino - nel mese di gennaio, in occasione del Giorno della Memoria dedicato alle vittime dell'Olocausto. Ad Alpette si potrà visitare l'esposizione fino a domenica 1° maggio, tutti i giorni dalle 16 alle 18.
Per informazioni: tel. 0124-809122 interno 5 e 340-4743767; e-mail: segreteria.sindaco@comune.alpette.to.it

AOSTA - "25 aprile. I luoghi, i monumenti, le celebrazioni" è la mostra, realizzata grazie alla collaborazione tra la Presidenza della Regione Valle d'Aosta, l'ANPI - Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, la Struttura Attività espositive dell'Assessorato dell'istruzione e cultura di Aosta e l'Istituto Storico della Resistenza e della Società contemporanea in Valle d'Aosta, in occasione delle celebrazioni del 25 aprile 2016. La mostra, che si compone di una trentina di pannelli esplicativi, intende proporre al pubblico una testimonianza sulla memoria della Resistenza in Valle d'Aosta, attraverso testi e immagini dell'archivio dell'ANPI, che documentano le inaugurazioni dei monumenti alla Resistenza e le manifestazioni organizzate negli anni per celebrare il 25 aprile.
L'esposizione, con ingresso gratuito, sarà visitabile fino al 22 maggio 2016, con orario 10-13 e 14-18, da martedì a domenica, chiuso il lunedì.
Per informazioni: Regione autonoma Valle d'Aosta, Assessorato Istruzione e Cultura, tel. 0165/274401; e-mail: u-mostre@regione.vda.it

BOLOGNA - "Non c'è pace senza giustizia" è il titolo delle iniziative con cui il Comitato regionale per le onoranze ai caduti di Marzabotto celebrerà a Monte Sole il 71° anniversario della Liberazione: incontri, esposizioni, musica, percorsi antifascisti, un vasto programma che attraverso la storia e la memoria si occuperà dell'oggi. Lunedì 25 aprile a San Martino di Monte Sole interverranno, tra gli altri, Riccardo Noury di Amnesty International, Giancarlo Penza della Comunità di Sant'Egidio, l'Onorevole Vincenzo Amendola, Sottosegretario Affari esteri e Cooperazione internazionale

CATANIA - "Il 25 aprile, festa della Liberazione, libereremo il Porto di Catania restituendolo alla città e questa festa coinciderà con "Il Festival del cibo da strada" che si svolgerà a partire dal 24 proprio all'interno di questo luogo ideale per passeggiare e incontrarsi". Lo ha annunciato il sindaco Enzo Bianco, sottolineando come la manifestazione, patrocinata dal Comune di Catania e organizzata dal PopUpMarketSicily, rappresenterà "un'esaltazione delle specialità catanesi e siciliane, dall'arancino al pesce fritto, dalle granite ai gelati, con conferenze sul cibo da strada, show cooking, musica con l'orchestra di fiati dell'Istituto Bellini e con l'orchestra dei ragazzi di Librino e tanto altro". Domenica 24 e lunedì 25 aprile, la due giorni del PopUp(Food)Market sarà ricco di iniziative nel segno del cibo, della socializzazione e dell'incentivo alla lettura e della mobilità sostenibile: oltre che passeggiare a piedi, all'interno del Porto Liberato si potrà andare anche in bicicletta e sarà presente l'Autobook per il libro scambio - in particolare con volumi sulla cucina e sul mare - che offrirà anche gli interventi "letterari" sul cibo da strada della scrittrice e gastronoma Monica Consoli. Gli arredamenti appositamente studiati per il PopUp(Food)Market, poi, trasformeranno lo spazio del porto in un grande solarium per la tintarella. Protagoniste assolute della due giorni della manifestazione - aperta dalle dieci del mattino alle dieci di sera - saranno dunque le specialità catanesi e siciliane (anche senza glutine), ma ci sarà spazio anche per l'arte. La manifestazione, coordinata dalla fondatrice del PopUpMarket Sarah Spampinato e dai membri dello staff - Emmanuele Marullo, Giuseppe Reina, Daniele Spitaleri e Nicoletta Castiglione - proporrà inoltre show cooking, un Deejay Set dal vivo che riempirà di musica lo spazio del Porto e sarà anche possibile visitare quello spazio magico che sono i laboratori di Cartura all'interno della Vecchia Dogana, che per l'occasione rimarrà aperta. Ci saranno anche uno spazio per le onlus e un altro interamente dedicato ai più piccoli, che potranno divertirsi con laboratori a tema, e scatenarsi tra palloncini e truccabimbi.

FINALE EMILIA - L'amministrazione comunale ha programmato momenti celebrativi a Massa Finalese a partire dalle ore 9.30 e a Finale Emilia, dalle ore 11. A Massa Finalese, alle 9.30, in piazza Caduti per la Libertà, dinanzi al Monumento ai Caduti, si comincerà con la benedizione e deposizione di una corona d'alloro. Si esibirà poi il coro Sorridi con Noi e il sindaco di Finale Emilia, Fernando Ferioli terrà il discorso celebrativo. Accompagnato dalla fanfara dei Bersaglieri "A. Vidoletti" di Vergiate, il corteo si trasferirà davanti al monumento al martire della libertà Nives Barbieri, dove verrà deposta una corona e si esibirà il gruppo di fiati "Do re mi fa sol la si" della Fondazione Scuola di Musica C. e G. Andreoli. A seguire, intervento del presidente di ANPI, sezione di Finale Emilia. A Finale Emilia, le celebrazioni prenderanno il via alle ore 11 con la benedizione delle corone d'alloro, l'esibizione del Coro Sorridi con Noi, il discorso commemorativo del sindaco Fernando Ferioli e del presidente di ANPI, sezione di Finale Emilia. Sempre accompagnato dalla fanfara dei Bersaglieri "A. Vidoletti", il corteo deporrà corone d'alloro al Monumento ai Caduti in piazza Baccarini, al Monumento al Partigiano nei Giardini de Gasperi e in piazza Don Bosco, di fronte alla stele che ricorda il congiungimento della 5a e 8a armate alleate e la fine della guerra. A conclusione delle celebrazioni esibizione del gruppo di fiati "Do re mi fa sol la si".

MIRANDOLA (MODENA) - Sono tante le iniziative organizzate a Mirandola in occasione del 25 aprile. Lunedì le celebrazioni si terranno in piazza Conciliazione (Duomo) alle 9,30 con la partenza della biciclettata con visita guidata ai cippi di San Giacomo Roncole, in collaborazione coi ciclisti mirandolesi. Alle 9,45, sempre in piazza Conciliazione (Duomo), formazione del corteo per le celebrazioni della Festa della Liberazione. Al termine del corteo in piazza Costituente ci sarà il discorso ufficiale del senatore Stefano Vaccari. Alle 12,30, presso il Centro anziani autogestito si svolgerà il pranzo del partigiano, a cura di Anpi Mirandola (prenotazioni al 370/3316523). Alle 15,30, in piazza Costituente (presso gazebo Anpi), visita guidata sui luoghi della Resistenza a cura degli studenti della scuola media Montanari. Organizzano Anpi Mirandola e associazione Educamente con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola e del Comune di Mirandola. Alle 17 in via Pico/via Cavallotti ci sarà il concerto della Filarmonica "G. Andreoli", mentre alle 18,30, in piazza Costituente, concerto rock con gli studenti dell'Iis Luosi - Cattaneo e Raffaele Bruschi Band.
"Dalla Resistenza alla Costituzione" è un progetto realizzato dal Comune di Mirandola assieme ad Anpi Mirandola, Aquaragia, Circolo Anziani Autogestito, Circolo cinematografico "I. Pacchioni", Comitato per la Pace, Consulta comunale del Volontariato, Donne in Centro, Educamente, Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola, Iis Luosi, Iss Galilei, Istituto Storico di Modena, scuola media Montanari.

PIACENZA - In occasione della Festa della Liberazione, a Piacenza saranno aperti i Musei Civici di Palazzo Farnese, visitabili con orario continuato dalle 10 alle 18. Nel biglietto di ingresso è inclusa la possibilità di seguire il percorso guidato, alle 10, 11.30, 13.30, 15 e 16.30. Già esauriti con le prenotazioni, invece, i posti disponibili per il laboratorio creativo dedicato alla bandiera tricolore, rivolto ai bambini tra i 5 e i 10 anni, in calendario domenica 24 dalle 15.30 alle 17.30. Lunedì 25 sarà aperto in via eccezionale anche il Museo Civico di Storia Naturale, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.

RAVENNA - Studiano nella scuola di recitazione romana "Fondamenta" diretta da Giancarlo Sammartano, i ragazzi e le ragazze che hanno aderito al Salvadanaio sociale per Lampedusa scrivendo la drammaturgia dello spettacolo teatrale "O'scià" (dal lampedusano: fiato mio) che andrà in scena il 25 aprile alle ore 21,00 al Teatro Rasi di Ravenna. L'evento è promosso dalla Rete civile contro il razzismo di Ravenna nell'ambito del progetto Lampedusa siamo noi che, volutamente nel giorno della Liberazione, vuole sollecitare una significativa interpretazione della Resistenza odierna. L'incasso della serata sarà versato interamente al Salvadanaio sociale per Lampedusa, che fino a oggi ha raccolto oltre 10.000 euro con l'adesione di tante associazioni e comuni (di Cervia, Rivalta, Ravenna) oltre a CGIL e AUSER, per realizzare un Centro educativo per disabili, di cui l'isola è assolutamente sprovvista e bisognosa, in collaborazione con il Comune di Lampedusa
I biglietti possono essere acquistati al costo di €. 7,00 la sera stessa dalle ore 20,00 alle ore 20,45 alla biglietteria del Teatro Rasi. Prevendita presso la Casa delle Culture.
Molte altre le iniziative del Comune di Ravenna per festeggiare la Liberazione: bicilettate, cortei e celebrazioni sono infatti previste, a partire dalla mattinata, in città e nei comuni della provincia.


red/lg