A Catricalà la delega alla protezione civile

Sembra proprio che sarà affidata al sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Antonio Catricalà la delega alla protezione civile

La voce circolava da qualche giorno: sembra proprio che la delega alla protezione civile sarà affidata ad Antonio Catricalà, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nel decreto pubblicato sulla Gazzetta ufficiale giovedì 17 maggio u.s. era stata inserita, rispeto alla prima versione, la possibilità della delega anche al sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. L'iter del decretdi riforma era partito a grande velocità: approvato in via preliminare il 13 aprile, passato all'esame della Conferenza unificata il 19 (che proponeva una serie di emendamenti), approvato dal CDM il 30 aprile (cosa che aveva confermato la reazione degli Enti locai  sia sul metodo che sul contenuto) aveva poi subito un rallentamento. Ne CDM dell'11 maggio il Governo aveva infatti discusso della necessità di modificare il testo del decreto legge già approvato in CdM ma non ancora sottoposto alla firma del Presidente della Repubblica. La modifica prevedeva l'inserimento della facoltà per il Presidente del Consiglio di delegare la responsabilità per la Protezione civile, oltre che al Ministro dell'Interno, anche al Sottosegretario di Stato Segretario del Consiglio dei Ministri. Cosa che sembrerebbe poi puntualmente avvenuta."Questa facoltà - recitava il testo del verbale del Consiglio dei Ministri dell'11 maggio us - consentirebbe al Presidente di liberarsi della gestione ordinaria di una struttura della Presidenza senza doverla far uscire dal suo diretto controllo. La presenza costante del Sottosegretario di Stato eventualmente delegato in Consiglio dei Ministri consentirà una compiuta informazione sui problemi della Protezione civile che, come noto, riguardano gran parte dei Dicasteri".

Se tale notizia sarà confermata sembra per ora risolto il problema di affidare da delega al Ministro dell'interno, opzione quest'ultima che aveva suscitato tante reazioni negative nel mondo della protezione civile, dagli Enti locali al Volontariato. Da quanto ci risulta la notizia della delega a Catricalà, se confermata, sarebbe accolta con favore dai diversi attori del sistema di protezione civile.