fonte Comune Milano

A Milano il sistema di allerta meteo arriva via sms

In occasione di “Io non Rischio” verrà lanciato il nuovo sistema di allerta per i cittadini che abitano nelle aree a rischio esondazioni dei fiumi Seveso e Lambro 

Via libera al nuovo sistema di allerta della Protezione Civile del Comune di Milano per avvertire i cittadini che abitano nelle aree a rischio esondazioni dei fiumi Seveso e Lambro in caso di rischio idraulico o temporali forti.

Il servizio di allerta via sms, mail o telefonata sarà presentato ai cittadini sabato 12 e domenica 13 ottobre in via Federico Confalonieri presso la Casa della Memoria in occasione della campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile "Io non rischio" e della Settimana della Protezione Civile. Qui volontari e volontarie della Protezione civile allestiranno punti informativi nelle principali piazze italiane per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i cittadini.

Sabato alle ore 16 sarà presente anche l'assessore alla Mobilità e lavori pubblici Marco Granelli per illustrare il piano per contrastare le esondazioni dei fiumi Seveso e Lambro. L'assessore Granelli farà un seconda presentazione ai cittadini, domenica 13 alle ore 12 alla Festa del Quartiere Niguarda in piazza Belloveso dove sono in corso i lavori di tactical urbanism per la pedonalizzazione nell'ambito del Piano Quartieri.

I cittadini che vorranno ricevere prontamente l’informazione, attraverso un sms, una mail o una chiamata preregistrata, si potranno iscrivere compilando una scheda sul sito web del Comune di Milano.

Il Comune attua già da tempo un sistema di attivazione in caso di allerta meteo e la Protezione Civile di Milano è in campo quotidianamente per prevenire e fronteggiare eventuali emergenze connesse a fenomeni idrogeologici e idraulici. L’informazione tempestiva ai cittadini delle aree a rischio idraulico è importante per consentire a tutti di prepararsi all’evento e di prendere le corrette precauzioni.

A questo scopo l’Amministrazione, attraverso le Direzioni Sicurezza Urbana, Area Sicurezza Integrata e Protezione Civile, Sistemi Informativi e Agenda Digitale e con la collaborazione dell’Area Comunicazione, ha sviluppato un progetto che ha portato alla realizzazione di un nuovo sistema di avvertimento.

Si tratta di un servizio on line gratuito e veloce con cui i cittadini possono essere rapidamente avvisati sulle allerte diramate dalla Regione Lombardia (Codice giallo, arancione o rosso per rischio idraulico o temporali forti), sul raggiungimento delle soglie di attenzione ed esondazione del torrente Seveso e del fiume Lambro, sul rientro alla normalità della situazione e sui comportamenti da adottare in questi casi.

L’obiettivo è quello di avvisare contemporaneamente e tempestivamente tutti coloro che possono essere interessati, con alcune ore di anticipo in caso di allerta meteo e al momento dell’avvicinamento dell’evento critico, ovvero al superamento delle soglie di criticità del Seveso e del Lambro. Tali modalità di comunicazione vanno da oggi ad aggiungersi alle informazioni diramate a mezzo stampa, social e attraverso le squadre della Protezione civile.

Questo sistema di allerta prevede una registrazione on line nella quale l’utente può segnalare uno o più indirizzi di suo interesse (dal domicilio, alla sede di lavoro, alla scuola dei figli) per essere avvisato in caso di problemi su un’area che frequenta abitualmente. Inserendo nell’iscrizione l’indirizzo mail o il numero di telefono si ha la possibilità di attivare tre diversi canali di comunicazione: email, chiamate telefoniche registrate e sms.

I diversi canali di comunicazione vengono attivati in base al tipo e al livello di criticità e in base agli indirizzi di interesse registrati dall’utente. Il Sistema di Allerta della Protezione Civile di Milano è un servizio di informazione gratuito. Il primo periodo di attivazione del servizio, fino a marzo 2020, è sperimentale ed è reperibile on line sul sito del Comune all'indirizzo oppure dalle pagine web della Protezione Civile di Milano

Red/cb
(Fonte: Ufficio Stampa comune di Milano)