A Rigopiano tecnologie Lte per agevolare Vigili del Fuoco e soccorritori

Un sistema sviluppato presso il polo tecnologico di Pula (Cagliari) entra in funzione per la prima volta nella zona del disastro. S tratta della piattaforma "Rapid e-lte emergency solution"

L'alta tecnologia per l'emergenza nasce in Sardegna e si sperimenta in questi giorni nella zona dell'hotel Rigopiano. Si chiama "Rapid e-Lte emergency solution" il sistema portatile sviluppato dall'innovation center Huawei e dal centro Crs4 di Pula in provincia di Cagliari per aiutare i soccorritori e facilitare il ritrovamento e la messa in sicurezza degli ulteriori possibili superstiti dell'hotel Rigopiano di Farindola (Pe). Caratteristica del sistema di comunicazioni portatile è la sua utilizzabilità in scenari operativi: dimensioni contenute e installazione rapida sono tra le caratteristiche principali, oltre alle tecnologie al suo interno che permettono la trasmissione in tempo reale di immagini, voce e dati in grado di raggiungere le sale i centri operativi e aiutare così le operazioni di soccorso. La condivisione delle informazioni attraverso lo streaming video con strumenti di ultima generazione tra operatori impegnati sul campo e forze di coordinamento che seguono dalla base garantisce maggiore efficienza nella risposta da parte della macchina dei soccorsi, nel caso ad esempio si individuino particolari patologie nelle persone recuperate o se dalla condivisione delle informazioni emergessero ulteriori necessità. La sperimentazione al Rigopiano è la prima in assoluto per questa tecnologia sviluppata nel polo tecnologico sardo in collaborazione con il colosso cinese della telefonia e sta vedendo in queste ore in azione buona parte dei ricercatori e tecnici che si sono recati direttamente in Abruzzo.

red/fu