Accordo tra Dipartimento di Protezione Civile e Corpo Nazionale Soccorso Alpino

Investimenti su Unità Cinofile e Soccorso Speleologico

Lo scorso 8 Aprile il Dipartimento della Protezione Civile e il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico- CNSAS, hanno sottoscritto un accordo per il biennio 2010-2011 al fine di migliorare i servizi offerti alla popolazione in materia di Protezione Civile.

Il programma, firmato da Agostino Miozzo, direttore dell'Ufficio Volontariato e Relazioni internazionali del Dipartimento e dal Presidente del CNSAS Piergiorgio Baldracco, ha lo scopo di aumentare il coinvolgimento delle risorse del Corpo Nazionale nella sfera della previsione, della prevenzione e del contrasto attivo delle calamità naturali.
Tra le iniziative si registra la creazione di squadre nazionali di pronto impiego per interventi di Protezione Civile nel Centro-Sud del Paese.
Fra gli scopi dell'intesa, l'incremento del settore cinofilo e del settore speleo-subacqueo del Corpo Nazionale Soccorso Alpino tramite due iniziative:


  • per il settore cinofilo, l'iniziativa prevede l'acquisto di quattro segugi di razza 'bloodhound', da utilizzarsi per la ricerca di persone tra le macerie; questa razza di cani, già ampiamente impiegata nelle attività di ricerca in superficie e da valanga, è definita 'molecolare' in quanto è in grado di rintracciare una traccia odorosa portata dal vento, anche in mancanza di piste a terra. L'impiego delle unità cinofile del Corpo Nazionale nelle attività di soccorso ha evidenziato le sue grandi potenzialità anche nel recente sisma abruzzese;

  • per il settore speleo-subacqueo si prevede la formazione, per le varie tipologie di scenario, di squadre ad alta specializzazione, nonché l'acquisto di una camera iperbarica mobile modulare e completamente collassabile, dalla dimensione estremamente ridotta ( dimensione complessiva 3,60 metri) per agevolarne il trasporto sia in elicottero che a braccia, e garantire una grande flessibilità operativa. Il dispositivo è articolato in due strutture distinte per poter essere impiegato in modo diversificato in base alle circostanze ed è uno strumento indispensabile per garantire tempestività nei soccorsi in questo settore.

 

 

(red.)