#acquepulite: È on-line il "Portale dell'Acqua", a disposizione dei cittadini

Massima trasparenza e  piena possibilità di accesso per tutti i cittadini ai dati e le info che riguardano il settore idrico in Italia: investimenti, opere, infrazioni, gestori, stato delle acque e altro ancora: è on-line il "Portale dell''Acqua", voluto dalla struttura di missione #italiasicura

Una porta aperta ai cittadini sullo stato delle acque del nostro Paese: il 24 marzo scorso si sono tenuti  gli "Stati generali #acquepulite" convocati dalla Struttura di Missione #italiasicura contro il dissesto Idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche, a cui hanno partecipato gli enti, le amministrazioni e le aziende pubbliche impegnate nella gestione delle infrastrutture idriche e nella programmazione delle opere di depurazione.
Dall'incontro è purtroppo emerso quanto l'Italia sia in forte ritardo rispetto al resto dell'Europa per quanto riguarda lo stato della depurazione degli scarichi urbani, tant'è che ha già subito due condanne della Corte di Giustizia Europea e vi è l'avvio di una terza procedura di infrazione che potrebbe costarci, secondo una prima stima, circa mezzo miliardo di euro l'anno a partire dal 2016 e fino al completamento delle opere. E, purtroppo, delle ingenti somme stanziate dal governo e dalla Comunità europea negli ultimi anni solo una parte è stata investita con profitto in opere idriche.

Quindi gli Stati Generali si sono dati alcuni obiettivi prioritari:
- entro 3 mesi avere la certezza sui dati dei controlli ambientali attraverso Regioni, ARPA e ISPRA per colmare le lacune dei molti dati mancanti,
- aumento dei controlli sul campo, sugli scarichi industriali e sull'impiantistica del trattamento delle acque industriali,
- garantire il funzionamento degli impianti di depurazione esistenti,
e favorire il riutilizzo delle acque di depurazione ai fini industriali e irrigui,
- avviare un piano di investimenti di pubblica utilità a lungo termine che porti la media degli investimenti realizzati dai gestori dei servizi idrici dagli attuali 34 euro/abitante anno a 50 euro/abitante.

Durante la giornata è stato, inoltre, presentato il nuovo "Portale dell'acqua", nato dalla collaborazione tra  #italiasicura e l'Istituto Nazionale di Statistica: i dati sono forniti da diverse Amministrazioni e disponibili in formato open data, garantendo così la massima trasparenza e la piena possibilità di accesso a tutti i cittadini.

Al portale si accede  tramite la home page di #italiasicura che riporta i tre macro settori di interesse: #dissesto, #acquepulite   e #scuole, oppure direttamente su acqua.gov.it.

Il Portale dell'acqua mette per la prima volta online tutte le informazioni del settore idrico, è ripartito in otto sezioni tematiche e per ogni argomento rappresentato è disponibile una pagina con una breve descrizione del contenuti, nella quale è possibile visualizzare i dati ed effettuarne il download  in modalità open data. In ogni sezione è presente il tasto "MAPPA INTERATTIVA" che restituisce una cartografia interrogabile con i dati relativi alla sezione da cui è effettuato l’accesso. Inoltreil tasto "DOCUMENTI" permette di accedere e scaricare diversi documenti e normative sull’argomento trattato e, ove presenti, i tasti "CERCA" o "VISUALIZZA" permettono rispettivamente di filtrare i dati per cercare più velocemente le informazioni di interesse o di visualizzare gli stessi in diverse modalità di aggregazione.

Le diverse sezioni sono organizzate per argomento:
#investimenti: gli investimenti pubblici su acquedotti fognature e depuratori in tutto territorio e il loro stato di attuazione;
#infrazioni: lo stato delle infrazioni comunitarie relative alla depurazione per ogni comune e gli interventi in corso per il loro superamento;
#gestori: le informazioni sui gestori dei servizi idrici dei diversi comuni;
#acquereflue #acquepotabili #risorsenaturali: lo stato dei servizi idrici sul territorio, dalle acque potabili (prelievo, adduzione e distribuzione)  al servizio di fognatura e trattamento delle acque reflue urbane;
#governance: la denominazione e il territorio degli Ato e le indicazioni relative ai rispettivi Enti di governo;
#agricoltura&industria: dati Istat sui volumi di acqua per l’industria e l’agricoltura.

Online anche inoltre la mappa interattiva con i dati georeferenziati relativi alle infrazioni, agli investimenti, alla governance, ai gestori e le carte tematiche dei dati sulle acque potabili e sulle acque reflue.

red/pc