Agrigento, si aggrava frana del costone a Monserrato: sgomberate 22 persone

Il tema è noto dal 2004, ma il primo atto risale all'autunno 2017 quando l'amministrazione ha presentato alla Regione un progetto da quattro milioni di euro per la messa in sicurezza dell'intero costone

Sette famiglie, per un totale di 22 persone, sono state sgomberate dalla palazzina di edilizia popolare di via Favignana, nel quartiere di Monserrato, ad Agrigento. Il costone sottostante a quel palazzo continua a cedere e a scivolare, per effetto del dissesto idrogeologico, verso valle. Un problema noto da anni, dal 2004 per la precisione.

La Protezione civile comunale ha effettuato un sopralluogo ed ha accertato che l'evoluzione del dissesto, nelle ultime ore, si è aggravata.

Parallelamente si apre un altro grave problema che riguarda la sistemazione delle 7 famiglie. "Vedremo se possono essere ospitate da familiari - ha spiegato il sindaco di Agrigento Calogero Firetto - . Il Comune può, per una, massimo due notti, trovare loro una sistemazione in albergo. Ma non ci sono i soldi per garantire oltre la loro sistemazione".

Firetto, ha affermato che il comune è a lavoro per la risoluzione del problema: "Il tema è noto dal 2004, ma non c'è stato alcun intervento da parte delle amministrazioni precedenti. Il primo atto risale all'autunno 2017 quando abbiamo presentato alla Regione un progetto da quattro milioni di euro per la messa in sicurezza dell'intero costone. Il progetto è candidato sulla piattaforma Rendis", ma per la sua attuazione ci vorrà tempo. "Quel che possiamo fare - ha detto Firetto - è valutare interventi tampone, in modo da poter alleviare i disagi delle famiglie coinvolte. Abbiamo chiesto alla Protezione Civile regionale un intervento di somma urgenza".

red/mn

(fonte: Ansa, grandangoloagrigento.it)