fonte Green Drop Award - Baldazzini "Karate Kid"

Al Festival di Venezia i film "rovinati" dalla crisi climatica

In mostra dal 4 settembre al Lido di Venezia i fumetti di 12 illustratori italiani per riflettere sull'emergenza climatica

Gregory Peck e Audrey Hepburn in vespa con maschera antigas si lasciano alle spalle un Colosseo che si staglia su uno sfondo apocalittico. Più che “Vacanze Romane”, sono “Vacanze Inquinate”. “Lawrence d'Arabia” dal suo cammello osserva la torre di Pisa spuntare dalle dune del deserto che ormai hanno conquistato anche il Centro Italia. 




I grandi film della storia “rovinati” dalla crisi climatica. Immaginate un grande classico del cinema italiano come “Morte a Venezia” di Luchino Visconti dove il protagonista scompare sotto l’acqua alta effetto della crisi climatica, oppure “Karate Kid” che deve affrontare un gigantesco tsunami.

Sono solo alcuni dei fumetti che compongono la mostra “Il cinema rovinato dal cambiamento climatico” che il Green Drop Award, premio assegnato al film che meglio interpreta le tematiche di sostenibilità, ecologia e cooperazione tra popoli tra quelli in gara nella selezione ufficiale della 76° Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia, inaugurerà il prossimo 4 settembre. 


Ben 12 tra fumettisti e illustratori italiani, come Fabio Celoni, Laura Scarpa, Stefano Casini, e molti altri, si sono misurati con il tema della crisi climatica reinterpretando le più grandi opere di celluloide, dai film di Visconti, a quelli Hitchcock, passando per quelli di Charlie Chaplin fino a  Wyler. Un modo per portare sotto i riflettori del festival del cinema di Venezia gli effetti del Climate Change e l’urgenza dell’adozione di politiche di mitigamento dei cambiamenti climatici.




“Cinema e fumetto sono territori contigui: chi ama il fumetto è spesso anche un grande appassionato di cinema e l’immaginario legato ai due mezzi espressivi si nutre delle stesse suggestioni. Con questa mostra, alcuni artisti hanno provato a immaginare come sarebbero stati i film a noi più cari se si fossero già realizzate le drammatiche previsioni riguardo al riscaldamento globale. L’ironia delle tavole non impedisce che da ciascuna trapeli un significato molto serio, che richiama i problemi che derivano dai mutamenti climatici” ha dichiarato Bepi Vigna, direttore del “Centro internazionale del fumetto” di Cagliari curatore della mostra.

Le opere saranno presentate il 4 settembre prossimo alle ore 18, al Lido di Venezia alla Villa degli Autori in occasione dell’incontro con il regista Terry Gilliam e lo scienziato Valerio Rossi Albertini.

Red/Cb
(Fonte: Green Drop Award)