Ancora maltempo
Rischio esondazioni

Ancora maltempo sulla Penisola: i fiumi sorvegliati speciali

L'Italia è ancora alle prese col maltempo. Grandi disagi provocati soprattutto dalle incessanti piogge che hanno messo a rischio la tenuta degli argini, in particolar modo in Veneto, già duramente colpito nel novembre scorso. Come annunciato dai bollettini meteo dei giorni scorsi, la zona più colpita è il nordest dove i momenti peggiori si sono vissuti stanotte a Vicenza, quando il livello del fiume Bacchiglione ha toccato il livello di guardia, a quota 5,34 metri. La situazione è andata poi migliorando, ma rimane la preoccupazione date le previsioni meteo che danno ancora pioggia per tutto il fine settimana.

Anche in Friuli Venezia Giulia, vengono tenuti sotto osservazione i fiumi, molti dei quali hanno superato il livello di guardia. Il picco delle precipitazioni si è avuto sulle Prealpi Carniche con 400 millimetri di pioggia. La Protezione Civile tiene monitorati in particolare il Tagliamento e il Livenza. Alta marea a Venezia, con 115 cm registrati alle 12 di oggi. Allagamenti anche a Grado a causa di una mareggiata che ha colpito la città intorno alle 1.30. Problemi anche in Emilia Romagna dove questa mattina è stata sospesa la circolazione in via Emilia Est a Modena, all'altezza di Fossalta, a causa del livello dell'acqua del torrente Tiepido che ha raggiunto la arcate del ponte a causa della piena del fiume Panaro. Per raggiungere Bologna, gli automobilisti devono quindi percorrere la Vignolese, la Nonantolana o l'autostrada. Strade interrotte per allagamenti e smottamenti si segnalano anche in Trentino Alto Adige dove tra l'altro una slavina di neve sta bloccando il passo Gardena. Le temperature rimarrano stabili, ma per rivedere il sole bisognerà aspettare lunedì.