Ancora maltempo sull'Italia: vento, pioggia e neve al centro-sud. Marche: criticitÀ rossa

Ancora pioggia, neve e forte vento sul centro-sud Italia. Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una allerta meteo che prevede anche criticità rossa per rischio idraulico nelle Marche

Permane anche oggi l'allerta meteo per precipitazioni sparse, nevicate fino a quote collinari e ventilazione intensa. Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso infatti un avviso per le regioni del centro-sud Italia che prevede dalla mattina di oggi, venerdì 6 marzo, venti forti dai quadranti settentrionali su Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata e Calabria e isole maggiori con raffiche fino a burrasca forte e possibili mareggiate lungo le coste esposte.

Sono previste poi precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sui settori orientali di Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. I fenomeni potranno essere accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

L'avviso prevede inoltre nevicate a quote superiori ai 400-500 metri su Abruzzo, Molise, Umbria e sulle zone orientali di Lazio e Campania e sulla Basilicata, con accumuli al suolo moderati o localmente abbondanti. Infine sono previste nevicate a quote superiori ai 600-800 metri su Calabria e Sicilia, con moderati accumuli al suolo.

È stata valutata criticità rossa per rischio idraulico diffuso sulla pianura marchigiana meridionale, criticità arancione per rischio idraulico sul resto delle Marche e su alcuni settori di Abruzzo, Molise e Puglia. Sono in criticità arancione per rischio idrogeologico i settori orientali dell'Umbria e centrale del Molise, i restanti settori di Abruzzo e Molise e i settori occidentali settentrionali della Sicilia. La criticità è invece gialla per rischio idrogeologico nel resto della Sicilia, in Calabria, su gran parte della Puglia, in Basilicata, Campania, Lazio, sul resto del Molise e dell'Umbria e su alcuni settori dell'Umbria e Emilia Romagna. Infine sono in criticità gialla per rischio idraulico alcuni settori dell'Emilia Romagna e della Puglia.


Redazione/sm

(fonte: DPC)