Attacchi terroristici a Parigi, Landini: "Non cadiamo in una logica di guerra"

"Cadere in una logica di guerra significa fare quello che i terroristi vogliono". Così il segretario generale della Fiom-Cgil, Maurizio Landini, sul feroce massacro di Parigi."L'unica reazione - afferma -è non fermarsi e manifestare nelle piazze"

"Siamo di fronte a un atto inaccettabile che va condannato sotto ogni punto di vista, ma ora non si deve cadere nell'errore di una logica di guerra, è quello che i terroristi vogliono".
Commenta così Maurizio Landini,
segretario generale della Fiom-Cgil, i tragici fatti di Parigi e lancia la proposta di allargare la manifestazione nazionale della Fiom-Cgil indetta per il prossimo 21 novembre a Roma alla lotta al terrorismo. Il segretario della Fiom si e' detto convinto che l'unica reazione possibile all'indomani degli attacchi sia "non fermarsi" e "manifestare e scendere nelle piazze, per respingere la logica terroristica e perche' non ci si deve rinchiudere in casa in uno stato di polizia e di guerra".

red/pc
fonte: AGI