Bertolaso a Lipari,
i divieti non sono stati rispettati

Verrà realizzata una mappatura delle zone a rischio dell'isola che verranno interdette ai turisti

Il sottosegretario alla Protezione Civile, Guido Bertolaso è giunto oggi a Lipari per effettuare un sopralluogo nelle zone dove si sono verificate le cadute di massi di ieri, in particolare nella spiaggia di Valle Muria a Lipari. Il terremoto di ieri pomeriggio verso le 15 di magnitudo 4.5 che ha provocato la caduta di massi e molta paura fra i turisti, molti dei quali rifugiatisi in mare, non ha avuto fortunatamente gravi conseguenze e, fatta eccezione per quella delle 21.40 di magnitudo 2.1, l'Istituto di vulcanologia non ha registrato altre scosse sismiche. All' incontro indetto presso il comune di Lipari per discutere sull'emergenza terremoto, oltre a Bertolaso erano presenti anche il prefetto di Messina, Francesco Alecci, e il sindaco di Lipari, Mariano Bruno. Il sottosegretario alla protezione civile appena raggiunto il municipio ha affermato: "Mi pare che tutto sia sotto controllo, tutte le verifiche e le indagini sulla situazione sono già state avviate. Mi risulta - aggiunge - che in alcune zone dove ci sono state le frane c'erano dei divieti di balneazione che però non sono stati rispettati. La prima cosa da fare per la sicurezza è rispettare le norme per evitare rischi a turisti e bagnanti. Adesso vedremo come fare per fare applicare nel modo più pertinente questi divieti e gli eventuali altri che potrebbero essere disposti".

Bertolaso, che subito dopo il sisma, e' stato costantemente in contatto con il Presidente del senato, Renato Schifani, testimone per caso dell'accaduto e la cui barca e' stata sfiorata dai massi caduti in acqua, incontrera' in giornata la cittadinanza per spiegare la situazione attuale. E' stato insediato nel centro operativo comunale di Lipari un gruppo tecnico del dipartimento della protezione civile regionale. Dodici, tra ingegneri e geologi, nelle prossime ore, provvederanno alla mappatura delle zone veramente a rischio nel perimetro della maggiore delle isole Eolie. Le forze dell'ordine e le autorita'' comunali provvederanno alla loro interdizione.
 


(red.)