Campania: realizzata la prima carta geologica regionale. Il 3 luglio a Napoli la presentazione

Un nuovo strumento per la conoscenza del territorio campano: martedì 3 luglio a Napoli sarà presentata la prima carta geologica regionale, dedicata a professionisti, docenti e studenti ma anche ai cittadini

Sarà presentata martedì 3 luglio, dall'Ordine dei Geologi della Campania la prima carta geologica della regione (Università di Napoli Federico II, dalle ore 14.30 - aule del DiSTAR , complesso universitario di Monte S. Angelo), un elaborato di sintesi, atteso da anni dal mondo scientifico e professionale, da poter utilizzare come base di lavoro per la gestione del territorio regionale.

"La pubblicazione della carta geologica della Campania - dichiara Egidio Grasso, presidente dell'Ordine dei Geologi della Campania - rappresenta il primo passo per avvicinare il cittadino alla conoscenza del territorio. Il prossimo step sarà quello di integrare la carta con altri riferimenti di natura geologica come i geositi (dedicati al settore del geoturismo) e le zone interessanti per i collezionisti di minerali e fossili.
Tema centrale del convegno sarà la descrizione delle principali novità della cartografia geologica regionale dal punto di vista stratigrafico e tettonico, seguiranno gli aspetti legati al reperimento e sfruttamento delle georisorse ed i rapporti tra geologia e rischio sismico".

Interverranno ai lavori rappresentanti istituzionali, tecnici e scientifici, impegnati a diversi livelli nello studio del territorio campano come Sabatino Ciarcia dell'Università del Sannio, Stefano Vitale, Alessandro Iannace, Pantaleone De Vita, Piergiulio Cappelletti e Vincenzo Allocca dell'Università di Napoli Federico II e Warner Mazzocchi dell'INGV, coordinati da Domenico Sessa, tesoriere dell'Ordine dei Geologi della Campania.Il dibattito conclusivo sarà curato da Egidio Grasso.
"Questa carta nasce dalla necessità di fornire uno strumento - dichiarano Ciarcia e Vitale - per professionisti, docenti e studenti che sia di facile lettura e che illustri la geologia della nostra regione in modo coerente e moderno".
A questo link il  programma della presentazione.

red/pc
(fonte: Ordine Geologi Campania)