''Catastrofi naturali'': vulcani,
terremoti e tsunami in mostra
a Varese

Non c'è il mare a Varese e nemmeno un vulcano, e da quelle parti la terra non è solita tremare: cionostante la conoscenza delle catastrofi naturali è un contributo all'aumento della consapevolezza ed è questa la sfida degli organizzatori della mostra incentrata sulle calamità naturali

Convivere con il terremoto in modo sostenibile anche nelle aree a bassa pericolosità: è la sperimentazione messa in campo dall'INGV, l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e dal Parco regionale CAMPO DEI FIORI di Varese, per far sì che insegnanti e popolazione in generale non si trovino completamente impreparati di fronte a un evento ritenuto poco probabile.
Nella provincia di Varese, infatti, il terremoto "non è di casa" ma la conoscenza dei fenomeni naturali potenziali cause di disastri, oltre a contribuire all'aumento della consapevolezza, ha una comunque una valenza di educazione alla sicurezza sostenibile, di sensibilizzazione verso l'importanza che semplici azioni possono avere per mitigare il rischio. Per questo motivo è stata allestita, presso la scuola media Villa Valerio di Varese la mostra "CATASTROFI NATURALI - Leggere attentamente le avvertenze - che approfondisce tematiche inerenti terremoti, eruzioni vulcaniche e maremoti, dotata, a sostegno dell'apprendimento di alcuni argomenti trattati di una serie di laboratori didattici rivolti alle classi 4^ e 5^ della scuola primaria ed a quelle della secondaria di primo grado.
La mostra sarà allestita dall'11 al 15 novembre con orario di visita dalle ore 8 alle 14.


red/pc

(fonte: INGV)

 

Scarica qui la locandina della mostra "Catastrofi Naturali"