Centro-Sud ancora nella morsa nel freddo: problemi per la viabilità

Allerta gialla in Puglia, mentre in Calabria durante la notte le temperature sono scese fino a meno 10 gradi. Problemi anche in Molise, Abruzzo e in provincia di Arezzo

Ancora neve e disagi al Centro-Sud, con un nuovo peggioramento delle condizioni meteorologiche che è previsto sulla Puglia e più in generale al Centro-Sud a causa di un flusso di aria fredda proveniente dai Balcani. Temperature in picchiata e ghiaccio su diverse strade, con conseguenti problemi sulla viabilità.

Anche oggi la Calabria si è svegliata nella morsa del gelo. Si circola senza particolari problemi in autostrada, anche se permane l'obbligo di catene o gomme termiche, mentre il ghiaccio è diventato il principale problema su tutte le strade montante e premontane. Da ieri sera, a causa di una frana, la strada statale 107 "Silana Crotonese" è chiusa al traffico tra Paola e San Fili (CS). La neve e le temperature basse sono arrivate anche nelle aree collinari, con disagi e scuole chiuse in alcuni comuni della Presila Catanzarese e del Lametino. Il termometro, durante la notte, è sceso fino a meno 10 gradi nella zona di Monte Botte Donato, nel Cosentino, mentre nel resto della regione sono diversi i centri in cui si è fermato a ridosso dello zero.

Il centro funzionale della Protezione civile pugliese ha emanato un'allerta gialla per neve nella zona garganica e nelle zone più interne del subappennino dauno e dell'alta Murgia, dove sono previste nevicate da isolate e sparse al di sopra dei 300 - 500 metri con apporti al suolo generalmente deboli, fino a moderati. Scuole ancora chiuse in alcuni comuni del Foggiano a causa dell'ondata di gelo che da una settimana sta interessando la zona nord della Puglia. La neve, nel corso della notte, è tornata ad imbiancare i comuni più alti della Capitanata, in particolar modo sul Gargano. Nevicate a intermittenza a San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo e Monte Sant'Angelo. Sul versante settentrionale dei Monti Dauni sono cadute deboli precipitazioni nevose con le temperature che restano sempre al di sotto dello zero. Lungo le strade sono entrati in funzione i mezzi spazzaneve e spargisale. Nella serata di ieri si sono registrati piccoli disagi alla circolazione sulla strada provinciale 22 quella tra Rignano e San Marco in Lamis e lungo la SP 45 che conduce a San Giovanni Rotondo dove alcuni automobilisti sono stati aiutati a rimettersi in viaggio dai volontari della Protezione civile.

Ancora aria gelida e neve in Molise. Il maltempo non accenna a lasciare la regione con nuove nevicate che questa mattina hanno interessato soprattutto i Comuni dell'area est, quelli del medio-basso Molise. Il maltempo ha indotto i sindaci di una quindicina di paesi a emettere nuove ordinanze di chiusura delle scuole. In nottata a Campobasso la temperatura è stata di -2 con pericolose formazioni di ghiaccio sulle strade. Al momento non si segnalano particolari disagi, ma è bene usare la massima prudenza soprattutto all'uscita di gallerie e sui viadotti.

Neve e possibile formazione di ghiaccio tra Lazio e Abruzzo sulle strade regionali 509 di Forca D'acero, 666 di Sora, 627 della Vandra, SSV Sora Cassino dove sono in azione mezzi spazzaneve e spargisale di Astral spa. Le strade tuttavia sono tutte percorribili.

Nevicate fino a bassa quota la scorsa notte nell'Aretino con qualche fiocco che ha imbiancato anche il capoluogo. Sui rilievi di Casentino e Valtiberina le precipitazioni hanno assunto dimensioni più consistenti. In mattinata molti i problemi generati dal ghiaccio sulle strade: due gli incidenti più gravi. Il primo lungo la E45 nei pressi di Pieve Santo Stefano questa mattina alle sei. Un 50enne di Sansepolcro (Arezzo) ha perduto il controllo dell'auto finita contro il guard rail. L'uomo, rimasto ferito, è stato soccorso dal 118 e trasportato al pronto soccorso in codice giallo. A Bibbiena (Arezzo), in località il Caggio, intorno alle nove un'automobilista ha perduto il controllo dell'auto che si è ribaltata. Soccorsa dal 118, la donna è stata trasportata in ospedale a Bibbiena e poi trasferita in un centro specializzato per alcuni traumi riportati.

red/gp

(Fonte: ANSA, AGI, AdnKronos)