Fonte archivio sito

Cina, 15 morti e 120 mila evacuati nello Shanxi

Le autorità locali hanno fatto una prima stima dei danni che in totale si aggirano attorno ai 670 milioni di euro. Danni anche alle aziende ai campi e ai beni culturali della Regione  

Cina, la pioggia battente provoca inondazioni nella regione settentrionale dello Shanxi: vittime e dispersi Le inondazioni sono la conseguenza della pioggia battente che ha fatto straripare 37 corsi d'acqua. Oltre ai danni all'agricoltura si cerca di recuperare e restaurare i reperti storici come l'antica città di Pingyao.

Alluvioni
La provincia dello Shanxi, nel nord della Cina è sotto litri di acqua. La pioggia battente ha trasformato campi, case e città in un lago di fango ed ha ucciso 15 persone, 3 sarebbero disperse. In totale sono 37 i fiumi che hanno superato gli argini e un milione e settecentomila le persone coinvolte nel disastro. Le autorità locali hanno fatto una prima stima dei danni che in totale si aggirano attorno ai 670 milioni di euro

I danni
Le inondazioni sono avvenute lo scorso 2 e 7 ottobre e sono considerate le peggiori che si sono mai abbattute sulla regione.  Secondo l'agenzia d'informazioni ufficiali Xinhua ieri, lunedì 11 ottobre, sono state evacuate 120 mila persone. La zona colpita dall'acqua è abitata da circa 35 milioni di abitanti. Danni anche alle aziende: 19.500 distrutte dal fango e 18.900 gravemente danneggiate, tra i danni da conteggiare anche 190 mila ettari di campi coltivati. Il ministero delle Finanze cinese ha stanziato per la gestione delle emergenze e calamità naturali 80 milioni di yuan circa 12,4 milioni di dollari, per il soccorso nelle province dello Shanxi e dello Shaanxi colpite dalle inondazioni. Le autorità hanno inoltre inviato una squadra di lavoro nelle zone colpite per aiutare le comunità locali con i soccorsi.   

I beni culturali
Ma in queste ore nello Shanxi si sta combattendo anche una lotta contro il tempo per salvare i beni culturali della Regione. La China's National Cultural Heritage Administration sosterrà la provincia dello Shanxi, nel nord della Cina per il recupero e il restauro dei reperti storici danneggiati durante la recente alluvione. L'amministrazione invierà degli esperti nella provincia per valutare i danni e supervisionare gli interventi di recupero, secondo quanto dichiarato dal capo dell'amministrazione, durante una conferenza stampa. L’amministrazione inoltre assegnerà i fondi di emergenza per assicurare che i manufatti storici della provincia siano protetti da ulteriori danni. Sono oltre mille siti ed edifici appartenenti al patrimonio culturale, tra cui la famosa città antica di Pingyao, patrimonio mondiale dell'Unesco, che hanno riportato danni per effetto della crisi climatica. 

red/cb
(Fonte: RaiNews)