(fonte foto: aeronautica militare)

"Circaete": al via domani la simulazione internazionale di difesa aerea

Organizzata e gestita dall'Aeronautica Militare, l'edizione 2014 dell'esercitazione multinazionale di difesa aerea "Circaete" verrà messa in atto domani, martedì 28 ottobre, dal Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico, nel ferrarese

Prenderà il via domani martedì 28 ottobre,  dal Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico, in provincia di Ferrara, l'edizione 2014 della "Circaete", esercitazione multinazionale di difesa aerea che viene organizzata periodicamente nell'ambito della cosiddetta "Iniziativa 5+5", accordo che dal 2004 vede impegnati i Paesi del bacino mediterraneo occidentale a promuovere la collaborazione su temi di sicurezza e difesa comune quali la sorveglianza marittima, l'addestramento, la protezione civile, la ricerca e soccorso e, appunto, la sorveglianza e la difesa dello spazio aereo.

Quest'anno  l'evento  è a guida italiana, è infatti  organizzato e gestito dall'Aeronautica Militare,  che sarà responsabile della pianificazione, direzione e condotta dell'evento, con il coinvolgimento di velivoli e personale di altre sette nazioni: Algeria, Francia, Libia, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia.
"L'esercitazione -
spiega Aeronautica Militare - ha l'obiettivo di promuovere l'adozione di procedure comuni e far addestrare in maniera congiunta i Comandi responsabili, nei Paesi coinvolti, delle operazioni aeree, le relative strutture di comando e controllo e sorveglianza radar, nonché i piloti e il personale delle basi della difesa aerea nella gestione di casi cosiddetti "Renegade", ovvero di aerei civili in arrivo o transito nello spazio aereo nazionale la cui condotta sia potenzialmente pericolosa per la sicurezza nazionale in quanto riconducibile ad una possibile azione terroristica".

L'Aeronautica Militare parteciperà con diversi assetti: dal Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico (Ferrara), dove oltre al personale AM saranno presenti i delegati delle Nazioni partecipanti, verrà diretta e coordinata l'intera esercitazione con le tre basi della difesa aerea nazionale - il 4° Stormo di Grosseto, il 36° Stormo di Gioia del Colle (BA) ed il 37° Stormo di Trapani -

Un velivolo da trasporto  del 31° Stormo dell'Aeronautica Militare di Roma Ciampino, simulerà di essere un "Renegade" e  attraverserà gli spazi aerei di Italia, Francia, Libia e Tunisia per poi fare rientro alla base: le tre basi saranno pronte a far decollare le proprie coppie di caccia intercettori Eurofighter in pochissimi minuti dall'ordine di "scramble", ossia di decollo immediato su allarme, per intercettare e scortare fuori dai confini nazionali o su uno scalo designato il velivolo sospetto. Tutte le attività in volo saranno condotte all'interno di specifiche aree e rotte di addestramento, coordinate in fase di pianificazione con i Paesi partecipanti e con gli Enti civili del controllo del traffico aereo.

 
red/pc

(fonte: AM)