Himalaya (Fonte foto: Pixabay)

Clima, continuando così scompariranno due terzi dei ghiacciai dell'Himalaya

Se non verranno ridotte le emissioni di gas serra, entro il 2100 spariranno gran parte dei ghiacciai himalayani. Le conseguenze saranno disastrose per tutto il globo, a cominciare dall'Asia e dall'Africa

Almeno un terzo dei ghiacciai dell'Himalaya è destinato a sparire entro il 2100. Succederà quasi inevitabilmente, anche se si riuscisse a mantenere il riscaldamento globale entro 1,5 gradi dai livelli pre-industriali. Se invece le emissioni di gas serra non verranno tagliate, a sparire saranno due terzi dei ghiacciai himalayani. Lo sostiene una ricerca del Centro Internazionale per lo sviluppo integrato della montagna (Icimod), che ha coinvolto più di 300 scienziati per 5 anni.

Già oggi è sparito il 15% dei ghiacciai rispetto al 1970, notano i ricercatori. Le conseguenze dello scioglimento di questi ghiacciai riguarderebbero quasi due miliardi di persone: i 250 milioni che contano su queste masse di ghiaccio per il loro approvvigionamento idrico, e il miliardo e 650 milioni che vivono sui grandi fiumi di India, Pakistan e Cina che nascono dall'Himalaya. Questi ultimi vedrebbero prima aumentare il flusso dei fiumi, col rischio di allagamenti, poi ridursi, con danni per l'irrigazione delle colture.

Ma le conseguenze non sarebbero disastrose solo per le zone asiatiche, perché senza tagliare le emissioni di gas serra tutto il mondo perderebbe la sfida del cambiamento climatico. E questa sconfitta "potrebbe essere un disastro innanzitutto per l'Africa" - come affermato dal numero uno dell'Onu, Antonio Guterres. Guterres, parlando a margine di un summit sul Continente, ha chiesto un maggiore impegno da parte della politica sul fronte dei finanziamenti ai Paesi in questione.

Secondo Guterres, sarà proprio l'Africa a pagare "un prezzo più alto" su fronte del clima, visto che lì le temperature sono destinate a salire maggiormente, sebbene il Continente "non contribuisca molto" al riscaldamento globale.

red/gp

(Fonte: Ansa)