Concordia: due anni fa il naufragio. Oggi il ricordo della tragedia

Due anni fa la Costa Concordia naufragò all'Isola del Giglio causando la morte di 32 persone. Oggi si ricorda la tragedia: fino a stasera si terranno le commemorazioni al Giglio

E' il secondo anniversario della tragedia che il 13 gennaio 2012 vide la nave da crociera Costa Concordia naufragare nelle acque dell'Isola del Giglio. Ancora oggi la nave è bloccata davanti all'isola a testimoniare con durezza il dramma che accadde quella notte: 32 persone infatti persero la vita e un corpo, quello di Russel Rebello, ancora non è stato recuperato.

Oggi, a due anni esatti dalla tragedia e quasi quattro mesi dalla rimessa in verticale della Concordia, è il giorno delle commemorazioni. La cerimonia è iniziata con la messa delle undici, nella chiesa di Giglio Porto dove quella notte molti naufraghi trovarono il primo rifugio. Di seguito è proseguita con il lancio di una corona di fiori in mare davanti al relitto e alle sei di sera ci sarà a Castello un concerto di archi.
Questa sera infine una processione con fiaccolata arriverà fino alla lapide al molo rosso e una preghiera collettiva verrà rivolta alle vittime.

Nel mentre proseguono i lavori per la rimozione del relitto dal Giglio: dopo il riassetto verticale della nave avvenuto a settembre si lavora affinchè la Concordia venga fatta rigalleggiare e trainata in un porto - ancora non è stato deciso quale sarà - per essere smantellata e smaltita. Secondo le previsioni dei tecnici che lavorano alla rimozione, il relitto dovrebbe lasciare le acque del Giglio a partire da giugno 2014.

Finora l'operazione di recupero della Concordia è costata a Costa e alle assicurazioni inglesi oltre 600 milioni di euro. Lo smantellamento, è stato ripetuto nei giorni scorsi, probabilmente avrà una ricaduta diretta sull'economia del territorio di almeno altri 30. La commessa inoltre darà lavoro per un paio di anni ad almeno duecento persone.


Redazione/sm