Concordia: richiesta
risarcimento entro 31/03

Si riporta quanto stabilito dall'accordo stipulato tra le Associazioni dei Consumatori e Costa Crociere relativamente ai tempi, le quote e le modalità di risarcimento per i naufraghi della Concordia.

A titolo informativo riportiamo, per chi dovesse esserne coinvolto, quanto stabilito nell'accordo raggiunto fra le associazioni nazionali dei Consumatori e Costa Crociere per il risarcimento ai naufraghi della Concordia, e pubblicato sul sito www.helpconsumatori.it.
Le associazioni dei consumatori aderenti e presso le quali si possono reperire informazioni più dettagliate sono: Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Assoconsum, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Ctcu, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori.

L'accordo stipulato prevede, per i passeggeri che accetteranno l'offerta, un risarcimento forfettario di 11 mila euro a persona a titolo di indennizzo, a copertura di tutti i danni patrimoniali e non patrimoniali subiti, inclusi quelli legati alla perdita del bagaglio e degli effetti personali, al disagio psicologico patito e al danno da vacanza rovinata; in questa quota si inseriscono anche il rimborso integrale del valore della crociera, tasse portuali comprese, dei transfer e bus, delle spese di viaggio sostenute per il rientro, di eventuali spese mediche sostenute e il rimborso delle spese sostenute durante la crociera.
Un comunicato congiunto riferisce che "l'importo forfettario concordato a titolo di risarcimento è superiore ai limiti risarcitori previsti dalle convenzioni internazionali e dalle leggi vigenti. Tale importo verrà riconosciuto indipendentemente dall'età del passeggero, considerando anche i bambini, sebbene non paganti".


Costa Crociere avvierà inoltre uno specifico programma di assistenza psicologica nei confronti di tutti i passeggeri che ne facciano richiesta, e avvierà - laddove sia possibile il recupero - la restituzione dei beni presenti nelle casseforti delle cabine.

Inoltre l'accordo parla di un rimborso di ulteriori 3 mila euro da sommarsi ai forfettari 11 mila in casi particolari da chiedere con esattezza alle associazioni dei consumatori.

La proposta contenuta nell'accordo non riguarda le famiglie delle vittime e i passeggeri feriti per i quali sono stati necessari trattamenti sanitari subito dopo il naufragio. L'indennizzo, in questi casi, terrà conto della gravità del danno subito dai singoli. Per le vittime, dovrebbe aggirarsi intorno ai 400 mila euro.

Le modalità di gestione delle pratiche di indennizzo sono le seguenti: gli accrediti degli importi avverranno entro 7 giorni dall'accettazione della proposta di Costa da parte dei consumatori. Costa Crociere metterà a disposizione un indirizzo e-mail (rimborsiconcordia@costa.it) e un numero per le informazioni (848505050).

I passeggeri hanno tempo fino al 31 marzo 2012 per accettare l'accordo sottoscritto con le Associazioni dei Consumatori.



Redazione/sm