Concordia:sospese ancora ricerche,
sono 21 le persone disperse

Le ricerche sono state nuovamente sospese perchè il relitto continua a muoversi e la pericolosità per ogni tipo di operazione è troppo alta.
I dispersi rimangono ufficialmente 21.

La nave della Costa Crociere, incagliata davanti all'Isola del Giglio, si è mossa nuovamente, e le ricerche dei dispersi sono state ancora sospese.

I tecnici competenti hanno però affermato che "è impossibile al momento quantificare di quanto si stia spostando il relitto. Prima di farlo bisogna confrontare i rilievi dei diversi strumenti di misurazione", infatti la nave e i suoi movimenti vengono continuamente monitorati con tutti gli strumenti di rilevamento, anche satellitari, di cui dispongono le autorità competenti.

All'origine del movimento della Concordia potrebbero esserci sia le correnti sottomarine che destabilizzano i punti di appoggio della nave, sia i liquidi interni che spostandosi cambiano il peso dell'imbarcazione facendola muovere. Sembra però il movimento del mare non stia incidendo particolarmente al momento in quanto le onde sono abbastanza basse.
Si prevede però un ingrossamento dello stesso entro domani sera con onde alte anche fino ad un metro e mezzo, ciò potrebbe causare diverse problematiche tra cui il rischio dell'inabissamento totale dello scafo.

Si sta valutando, ma ancora non è un dato ufficiale, di "imbarcare" la nave, ossia assicurarla agli scogli in maniera tale da evitare che affondi del tutto.

Le operazioni di ricerca dei dispersi sono comunque state sospese data la pericolosità di qualunque intervento vicino alla Concordia, in quanto il rischio per i soccorritori è troppo alto.
I dispersi, la cui lista pubblicata dalla prefettura di Grosseto è consultabile a questo link, risultano ufficialmente 24, anche se tra questi rimangono i nomi di 3 persone recuperate senza vita ma non ancora identificate, quindi all'appello mancano ancora 21 persone.


Redazione/sm