Condivisione e confronto
sulla pagina facebook ProCiv

La pagina del Magazine del Dipartimento della Protezione Civile offre diversi strumenti per la condivisione di esperienze e testimonianze tra volontari, associazioni e istituzioni

Da febbraio è online la pagina Facebook del Magazine del Dipartimento della Protezione Civile, uno spazio di incontro per le componenti del Servizio Nazionale della Protezione Civile, dedicato al confronto e alla condivisione delle esperienze dei volontari, delle associazioni e delle istituzioni.

Accedendo per la prima volta, gli utenti si troveranno in una pagina di benvenuto, una delle novità implementate appositamente dal Dipartimento in aggiunta alle schede e alle applicazioni tradizionali messe a disposizione da Facebook.
Questa pagina comprende una sezione 'News ed Eventi', dove vengono rilanciati gli eventi organizzati dal Dipartimento, e l'archivio delle news precedentemente pubblicate.
Gli utenti hanno poi a disposizione gallerie di foto e video e schede dedicate ad eventi particolari, tra cui ad esempio i Campi Scuola 2011 organizzati dal Dipartimento in accordo con le Organizzazioni di Volontariato, che potranno partecipare alla pagina inviando materiale multimediale da pubblicare.
È in programma anche una scheda dedicata all'Anno Europeo del Volontariato, dove saranno pubblicizzate tutte le iniziative in programma.


Particolarmente interessante è l'area 'Discussioni', dove vengono aperti topic su determinati argomenti, come ad esempio la disabilità in emergenza - oggetto di un seminario che si è tenuto al Dipartimento lo scorso 22 giugno - e l'assistenza psico-sociale in emergenza, al centro di un incontro che si svolgerà invece il prossimo lunedì.
L'area 'Discussioni' è rivolta sia agli utenti comuni che vogliono raccontare le proprie esperienze, sia alle istituzioni e alle associazioni di volontariato che operano in questi ambiti.


"Per quanto riguarda in particolare gli argomenti legati alla disabilità stiamo aspettando che l'Unione Italiana Ciechi ospiti sul proprio forum gli stessi temi, così da renderli completamente accessibili" - spiegano dal Dipartimento - "Soprattutto perché per quanto riguarda i non vedenti, Facebook non è completamente accessibile.
Abbiamo cercato di interfacciarci con l'Unione Italiana Ciechi proprio per permettere a tutti i disabili l'accesso a questi argomenti".





Elisabetta Bosi