Contact Center ProCiv:
700 richieste in due mesi

L'87% delle richieste è stato risolto con una risposta immediata o comunque dopo un breve periodo di lavorazione; si tratta in particolare di richieste di informazioni e segnalazioni di varia natura

A due mesi dall'attivazione del Contact Center del Dipartimento, sono già 700 le richieste dei cittadini arrivate alla Protezione Civile attraverso il numero verde, il modulo online o gli altri strumenti di contatto a disposizione del pubblico. Lo comunica il Dipartimento stesso, spiegando che di queste richieste, l'87% è stato chiuso con una risposta immediata o comunque dopo un breve periodo di lavorazione.

La maggior parte delle richieste (quasi l'80%) sono pervenute attraverso il numero verde 800 840 840; seguono quelle inviate via email o utilizzando il modulo online, ed infine i tradizionali fax e lettere. Per lo più si tratta di richieste di infomazioni
(73%), a cui seguono segnalazioni di varia natura (8%) e richieste di intervento (5%). Come segnala la Protezione Civile, non tutte le domande che arrivano al Contact Center (il 10%) sono però di competenza del Dipartimento.

Molteplici i temi oggetto di richieste
, tra cui benemerenze (17%), volontariato (17%) e domande sulle attività del Dipartimento (13%); seguono le segnalazioni di eventi di vario tipo - ad esempio di natura sismica - che si manifestano sul territorio (10%), e le segnalazioni di situazioni critiche, per le quali ad esempio è stato dichiarato lo stato di emergenza (5%). La maggior parte delle richieste - aggiunge il Dipartimento - proviene dal Lazio (18%), seguito da Piemonte (14%), Campania e Abruzzo (11%), Lombardia (9%) e Sicilia (7%).



Redazione