Cnr

Coronavirus, Cnr avvia una ricerca sui mutamenti sociali

Un team di scienziati tra cui sociologi, statistici, psicologi, psicopedagogisti e antropologi analizzerà le risposte al questionario e comunicherà i risultati

Si chiama “Msa-Covid19”, ovvero Mutamenti Sociali in atto durante il Coronavirus, l'indagine del  Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Irpps) che va a studiare  atteggiamenti e comportamenti della
popolazione nell'emergenza Covid19 in relazione al "distanziamento sociale".  
La ricerca parte dal presupposto che l'emanazione del decreto #IoRestoaCasa da parte del Consiglio dei ministri del 9 marzo in materia di spostamento delle persone fisiche all'interno del territorio nazionale abbia richiesto un cambiamento improvviso e radicale delle abitudini e degli stili di vita degli italiani producendo una drastica riduzione di ogni forma di lavoro e socialità.

L'indagine ha lo scopo di analizzare gli atteggiamenti e i comportamenti della popolazione dovuti al "distanziamento sociale", al fine di valutarne le conseguenze e i correttivi nel breve e medio periodo, per arginare l'insorgenza di stati critici a livello psicofisico prodotti dall'assenza di lavoro e socialità.

Un team di studiosi ha sviluppato un questionario on line. L'attività riguarderà quattro aree d'indagine: informazioni socio-anagrafiche dei rispondenti; interazione e devianza nel distanziamento o
avvicinamento sociale, che rileva i mutamenti
nell'interazione sociale e le conseguenti forme di devianza e disagio dovute sia al distanziamento sia al contatto protratto degli individui conviventi; fiducia e opinioni, che riguarda la valutazione dell'operato pubblico e i livelli di fiducia relazionale e sistemica; emozioni e disagio, che analizza la valutazione del sè, le emozioni primarie e gli stereotipi connessi all'emergenza sanitaria.

Nello specifico, lo studio tratterà le seguenti dimensioni di analisi: Interazione sociale e comunicazione virtuale; Clima e devianza in ambiente domestico; Uso del tempo; Fiducia  sistemica; Atteggiamenti
e percezione; Stereotipi; Stato psico-fisico; Emozioni primarie; Resilienza.

La fase nazionale di indagine di indagine “Msa-Covid19” prevede la realizzazione di una survey che sarà condotta per mezzo di un questionario di ricerca, di tipo elettronico e semi-strutturato diffuso mediante piattaforme virtuali, social media e canali istituzionali. Il metodo di somministrazione del questionario di ricerca è di tipo Cawi (Computer Assisted Web Interviewing) e la rilevazione dei dati è in forma anonima. Il metodo Cawi permetterà l'immediata registrazione dei dati raccolti direttamente sul server del CNR con l'ausilio del software Lime Survey. In questa fase sono previste attività  di
valorizzazione e visibilità  dei risultati. L'obiettivo secondario è la "comunicazione dei risultati della ricerca", dunque il trasferimento della conoscenza prodotta a esperti di settore, mondo sanitario, decisori politici, cittadini e mass media.

L'indagine "
Msa-Covid19" si avvale del contributo di un ampio e multidisciplinare gruppo di ricerca che coinvolge sociologi, statistici, psicologi, psicopedagogisti e antropologi culturali. I membri del gruppo hanno una lunga esperienza in ambito di analisi di atteggiamenti e comportamenti della popolazione, dinamiche relazionali e condizionamenti sociali, comunicazione e divulgazione scientifica.

"È per noi molto
importante raggiungere un elevato numero di risposte su scala nazionale nel minor tempo possibile, dato che gli obiettivi dell'indagine sono di esplorare, analizzare e prevedere, gli effetti psico-sociali del protrarsi nel tempo del vivere isolati e convivere nelle proprie case, per poi definire immediati interventi contenitivi. Lo studio riguarda la dimensione socio-relazionale, psicologica ed economica del 'distanziamento sociale'" scrive Antonio Tintori, del team di ricercatori.
Red/cb
(Fonte: Dire)