(Fonte foto: Johns Hopkins University)

Coronavirus, la situazione nel mondo

Viene registrato un nuovo record settimanale di contagi, con gli USA che rimangono il Paese più colpito, mentre in Europa si registra il più forte aumento delle vittime

La paura del coronavirus torna a montare in Europa e nel mondo, con un nuovo record settimanale di contagi certificato dall'Oms. Sono 31.517.087 in tutto i casi di contagio da coronavirus nel mondo e 969.578 i decessi causati a livello globale. Questi i dati aggiornati dal Coronavirus Resource Center della Johns Hopkins University. Al primo posto della classifica dei contagi e dei decessi restano gli Stati Uniti, con 6.896.218 infezioni e 200.786 decessi.

Secondo l'Oms, in Europa si registra il più forte aumento delle vittime (+27% sulla settimana precedente), mentre il continente americano ha il primato dei nuovi casi (+38%), ma registra un importante calo dei morti, -22%. In Africa, l'epidemia continua a rallentare, con un -12% di nuovi casi e un -16% di morti rispetto alla settimana precedente.

Il Covid-19 sta "tornando a diffondersi in maniera esponenziale, come vediamo" dai numeri di Paesi "come la Spagna o la Francia", ed è per questo che il Regno Unito deve adottare le nuove restrizioni annunciate ieri per "frenare il virus adesso". Lo ha detto il premier Boris Johnson in un discorso televisivo alla nazione, insistendo di voler "fare tutto il possibile per evitare un nuovo lockdown nazionale". Il premier ha definito "non realistico" pensare che il contagio dei giovani sia privo di conseguenze, poiché esso finisce "inevitabilmente" per coinvolgere altre fasce d'età. Ha quindi ammonito la popolazione a mostrare "disciplina".

In Europa
Dopo un week-end di cifre più basse, torna oltre quota 10.000 il numero dei nuovi positivi in Francia nelle ultime 24 ore. 10.008, secondo i dati della Sanità pubblica. Aumentano anche i decessi, oggi 68 più di ieri, per un totale di 31.416 dall'inizio dell'epidemia. Il tasso di positività dei test è salito per la prima volta oltre il 6%, per attestarsi al 6.1%.

Il ministero della Sanità spagnola ha annunciato che 241 persone sono morte a causa del coronavirus nelle ultime 24 ore. Lo riporta El Pais. Si tratta del numero più alto di vittime dall'inizio della seconda ondata di Covid-19. Durante la prima ondata il record di morti è stato di 950 in un solo giorno. 3.125 nelle ultime 24 ore, secondo i media spagnoli.

In Russia sono stati registrati 6.215 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, arrivando così a quota 1.115.810. I morti sono stati invece 160, il numero più alto dal 31 luglio scorso (in totale i decessi sono così 19.649). Lo riporta il centro nazionale per la lotta al virus, ripreso dalla Tass.

Sono 1.692 i casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Turchia, su 114.311 test effettuati. Il dato porta il totale dei contagi nel Paese a 306.302. Le nuove vittime ammontano a 65, portando i decessi complessivi a 7.639. I pazienti in terapia intensiva aumentano a 1.522, mentre quelli guariti crescono di 1.261, arrivando in tutto a 269.696. Lo ha riferito nel suo bollettino quotidiano il ministro della Salute turco Fahrettin Koca.

In Asia
Nuovo record di contagi in Israele: nelle ultime 24 ore il ministero della sanità ha segnalato 6.861 casi a fronte di quasi 60mila test, con un tasso di morbilità di poco meno del 12%. Al momento negli ospedali sono ricoverate 1.352 persone, di cui 668 gravi. Si prevede che nel fine settimana si sorpassino gli 800 casi gravi, limite massimo per gli ospedali. Oggi altra riunione del Gabinetto di governo: possibili restrizioni alle funzioni religiose di Kippur e alla possibilità di manifestare.  

Nuovo record di contagi anche in Iran. Sono 3.712 i casi accertati nella ultime 24 ore, un dato che porta il totale nella Repubblica islamica a 429.193. Le nuove vittime sono 178. I decessi salgono in tutto a 24.656. I pazienti in terapia intensiva aumentano a 3.922, mentre quelli guariti crescono a 363.737. I test complessivi effettuati sono 3.800.619. Lo ha riferito nel suo bollettino quotidiano la portavoce del ministero della Salute iraniano Sima Lari.


L'India ha registrato ieri il più basso numero di nuovi casi di Covid-19 da un mese a questa parte: 75.038. Lo ha reso noto questa mattina il ministero alla Salute. I decessi nello stesso arco di tempo sono stati 1.053. Il paese ha raggiunto oggi 5.6 milioni di infezioni, secondo solo agli Stati Uniti. Il numero totale delle morti è di 88.935 persone. Nonostante il crollo di ieri, il paese continua ad avere il più alto numero di nuove infezioni al mondo. I media indiani scrivono che Deepak Sapra, Amministrare Delegato del laboratorio farmaceutico Dr Reddy's ha annunciato oggi che i test di ultima fase del vaccino Sputnik-V potrebbero partire già nelle prossime settimane. Il vaccino, sviluppato dal fondo sovrano russo "arruolerà" dai mille ai duemila volontari e sarà condotto in ospedali pubblici e privati in tutto il paese.

Stati Uniti
Donald Trump ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano di commentare gli ultimi dati sul numero dei decessi da Covid-19 nel paese, dove è stata superata la soglia dei 200mila morti. “Credo che se non avessimo fatto bene e nel modo giusto, avresti 2,5 milioni di morti. Se guardi alle possibili alternative, avresti 2,5 milioni di morti o qualcosa del genere. Potresti avere un numero sostanzialmente più alto”. Il presidente americano è poi tornato a dare la colpa alla Cina.

red/gp

(Fonte: Ansa)