fonte pixabay

Coronavirus, nuova ordinanza di Speranza per gli arrivi dall'estero

Di fronte ai numeri crescenti dei contagi il governo opta anche per restrizioni e controlli più decisi per gli stabilimenti-discoteche in vista di Ferragosto. Ma c'è il 'no' di almeno la metà dei governatori, divisi in Conferenza delle Regioni.

"Ho firmato una nuova ordinanza che prevede test molecolare o antigenico, da effettuarsi con tampone, per chi arriva da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. Inoltre si aggiunge la Colombia alla lista dei Paesi per cui è previsto divieto di ingresso e transito". Lo annuncia il ministro della Salute Roberto Speranza su Facebook. "Dobbiamo continuare - afferma - sulla linea della prudenza per difendere i risultati raggiunti negli ultimi mesi con il sacrifico di tutti".

Ieri poi si è tenuta una riunione straordinaria tra governo e Regioni convocata dal ministro degli Affari regionali Francesco Boccia. All'incontro anche i ministri della Salute Roberto Speranza e dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli. Per i governatori ci sono Donato Toma del Molise, Luca Zaia del Veneto, Massimiliano Fedriga del Friuli Venezia Giulia, Alberto Cirio del Piemonte, Marco Marsilio dell'Abruzzo e diversi assessori regionali.

Dalla riunione è emerso In particolare che sulle discoteche si va verso una stretta per contrastare il fenomeno degli assembramenti dovuti alla movida in questo periodo estivo, in particolare nei confronti dei locali all'aperto dove non vengono rispettate le misure anti-coronavirus come il distanziamento. Durante l'incontro straordinario con le Regioni, il ministro Speranza ha letto un'informativa segnalando il problema delle discoteche e degli stabilimenti affollati durante questo tipo di eventi e avrebbe parlato della necessità di prendere ulteriori provvedimenti.

In Toscana ad esempio la normativa impone di garantire almeno almeno due metri tra gli utenti che accedono alla pista da ballo, conteggio degli ingressi obbligatorio così come registrare ogni accesso e mantenere un registro delle presenze per almeno 14 giorni. Sono solo alcune delle misure per le discoteche della Toscana previste in un'ordinanza firmata dal presidente della Regione Enrico Rossi.

Ma mentre il governo è orientato verso la stretta e la proroga della chiusura, dalle Regioni e dagli operatori è arrivato un no alle misure più drastiche. Il settore è in ripresa - dicono - e una nuova chiusura avrebbe conseguenze pesantissime.


Red/cb
(Fonte: Ansa)