Fonte facebook Palazzo Chigi

Coronavirus, nuove misure sanitarie per tutti, a breve quelle economiche

Niente abbracci, baci e strette di mani, distanza di sicurezza di un metro, stop a tutte le manifestazioni, quelle sportive potranno svolgersi a porte chiuse

Arriverà oggi un nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri con le nuove contromisure sanitarie dettate dal comitato scientifico voluto proprio dal premier Giuseppe Conte per combattere il nuovo coronavirus. Le nuove norme varranno per tutti gli italiani, non solo coloro che si trovano nelle zone rosse e saranno valide per almeno 30 giorni. Niente strette di mano, niente abbracci, valida per tutti la regola che impone la distanza di almeno un metro dalle altre persone in luoghi chiusi per evitare il fenomeno del droplet. E ancora basta meeting e congressi, stop alle manifestazioni, anche a quelle sportive. Le partite di calcio, semmai, potranno avvenire solo a porte chiude. Ma si deciderà nelle prossime ore la soluzione definitiva. Il governo inoltre mira anche a potenziare il sistema sanitario, con un aumento del 50% dei posti nelle terapie intensive, quelle più sotto pressione in emergenza coronavirus. 

Per quel che riguarda lo sforamento del deficit, la richiesta potrebbe arrivare venerdì in Parlamento. Giovedì 5 marzo infatti è fissato un Consiglio dei ministri che darà il via all'iter per la richiesta dello sforamento del deficit per 3,6 miliardi e per avviare l'esame del nuovo decreto con le misure economiche. Il governo si muove su questo doppio binario di intervento. L'agenda è stata illustrata dal premier Giuseppe Conte ai capodelegazione della maggioranza e ai capigruppo di tutte le forze presenti in Parlamento. Il primo passo, dunque, sarà sanitario, con una serie di indicazioni da dare ai cittadini.

Red/cb
(Fonte: Ansa)