fonte pixabay

Coronavirus, primi positivi ai test rapidi a Fiumicino e riprendono le crociere

Un giovane di rientro da Malta è il primo positivo ai test per coronavirus nello scalo romano. A Genova intanto riparte la macchina delle crociere, la Msc Grandiosa ospiterà 3 mila persone

Tutti in fila in attesa di sottoporsi al test molecolare per il coronavirus. Questa la situazione all'aeroporto di Fiumicino a Roma, stamattina, lunedì 17 agosto, in occasione dell'avvio dei test rapidi per il covid su chi rientra da Croazia, Malta, Spagna e Grecia oggetto dell'ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, al fine del contenimento della diffusione del virus.

Il nuovo sistema di controlli ha già rilevato il primo caso positivo al test, come comunica l'Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio che afferma in una nota: “Si tratta di un giovane di Pescara di ritorno da Malta con un volo Ryanair. Avviato il contact tracing. In corso la notifica alla Asl abruzzese. Il giovane è già stato avvisato telefonicamente e posto in isolamento”.
Intanto, sempre oggi, la Asl Roma 1 ha comunicato la positività di sei ragazzi di rientro da Porto Rotondo. Si tratta di due gruppi distinti che hanno in comune una festa a Porto Rotondo nella giornata dell’8 agosto. Sempre la Asl Roma 1 comunica che in merito al focolaio della casa di cura delle Ancelle del Buon Pastore si registrano otto operatori positivi.

Da Roma passiamo al porto di Genova dove da oggi, lunedì 17 agosto riparte l'industria crocieristica, che a livello mondiale conta oltre 30 milioni di ospiti e che si è completamente fermata per la pandemia di coronavirus. La prima nave a salpare è la Msc Grandiosa. "Si riparte con l'ammiraglia - sottolinea il country manager, Leonardo Massa - e con un riempimento massimo non superiore al 70% mettendo al centro la sicurezza e la volontà di non stravolgere la volontà degli ospiti". Oggi si imbarcano poco meno di 1500 ospiti, l'80% sono italiani, e, poi ci saranno imbarchi anche negli altri porti per un totale di circa 3mila persone compreso l'equipaggio". La crociera di 7 notti nel Mediterraneo occidentale fa scali a Civitavecchia, Napoli, Palermo e La Valletta. La compagnia tiene vuote 250 cabine, un decimo del totale, per qualsiasi necessità. "Il protocollo prevede anche l'ipotesi di casi di positività a bordo durante la crociera - prosegue Massa - e quindi abbiamo queste cabine che sono state rese area sterile per le emergenze".

Red/cb
(Fonte: Ansa e Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio)