fonte foto: Corpo Forestale dello Stato

Corpo Forestale e terremoto: con Lav per accogliere gli animali soli

La sinergia è volta a soccorrere e dare accoglienza agli animali rimasti soli o sofferenti dopo il sisma: il centro per loro sarà nella Scuola del Corpo forestale di Cittaducale (RI), e servono generi alimentari e attrezzature. Nel frattempo il Corpo Forestale riprende l'attività grazie alle basi mobili

E' iniziato l'intervento della LAV a supporto del Corpo forestale dello Stato per soccorrere e accogliere i tanti animali rimasti randagi e spesso sofferenti dopo il terremoto che ha devastato il reatino. Saranno impiegati due mezzi, di cui uno abilitato al trasporto animali, tre veterinari, un educatore cinofilo, tre operatori specializzati in cani, gatti e altri animali. La base operativa è fissata presso la Scuola del Corpo forestale di Cittaducale (RI) che accoglierà i numerosi animali in difficoltà e coordinerà tutti gli operatori che collaboreranno all'operazione.

Gli animali verranno curati, nutriti ed assistiti dal personale della Forestale e dell'Associazione, collaborando, così, a risovere uno dei problemi emersi nelle città terremotate aiutando anche questi animali, rimasti anch'essi feriti, persi, non ricongiunti, vaganti e randagi. Nelle ore immediatamente successive al terremoto, infatti, sono stati numerosi gli appelli giunti alla LAV che si è prontamente mobilitata raccogliendo la disponibilità di volontari, professionisti e Istituzioni. Lo scopo dell'iniziativa è portare gli aiuti necessari e le competenze tecniche al servizio delle famiglie, dei singoli e ai loro animali, assicurare il sostegno alla convivenza nei luoghi di ricovero diurno e notturno. L'operazione continuerà anche per i prossimi mesi, superando la fase emergenziale, così come già sperimentato per il sisma de L'Aquila.

Le Autorità che coordinano i soccorsi hanno indicato che permane la necessità di generi alimentari e di attrezzature per gli animali che anche la LAV raccoglie insieme a trasportini di ogni misura, ciotole, pettorine, guinzagli, collari, lettiere e sabbia, gabbie-trappola, lettori microchip, recintini, farmaci nonché coperte in pile e omogeneizzati a uso umano di verdure e frutta, sia presso la propria sede nazionale di Roma, in Viale Regina Margherita 177, che presso i punti-raccolta dei Comuni e le proprie sedi locali consultabili su www.lav.it/chi-siamo/le-nostre-sedi in collaborazione con altre associazioni umanitarie, animaliste e di Protezione Civile. La LAV ricorda che opererà nelle zone del terremoto grazie ai fondi del 5x1000 a essa devoluti e chiede il sostegno di tutti con contributi sul ccp 24860009 o iban IT16 E050 1803 2000 0000 0501 112 Dall'estero, bic: C C R T I T 2 T 8 4 A Causale: aiuto animali terremoto.

Per quanto riguarda il Corpo Forestale, invece, sono entrati in funzione i tre Comandi Stazione Mobili Forestali, provenienti dai Comandi Regionali della Regione Campania e dalla Puglia, per garantire la piena funzionalità nei comuni di Amatrice, Arquata del Tronto e Montegallo (AP). Nonostante il sisma abbia reso inagibili la maggior parte degli edifici pubblici e danneggiato i presidi Forestali delle zone terremotate, rendendo impossibile la fruizione dei servizi ai cittadini, la Forestale è intervenuta trasferendo nei tre comuni colpiti dal sisma altrettante basi mobili e il personale necessario allo svolgimento dei compiti. Le basi sono uffici operativi, collegati in rete e consentiranno al personale di svolgere le normali attività d'ufficio in sicurezza, garantendo la piena efficienza anche durante le operazioni di soccorso.


red/lg

(Fonte: Corpo Forestale dello Stato)