(fonte foto: theguardian.com)

CRI e AGIRE chiedono aiuto agli
italiani per la popolazione filippina

Il mondo intero si sta muovendo per correre in aiuto della popolazione filippina, stremata e affamata dopo che il tifone Haiyan ha raso al suolo tutto ciò che ha incontrato sul suo devastante cammino. E' importante fare presto: CRI e AGIRE si appellano agli italiani

CROCE ROSSA ITALIANA e AGIRE hanno deciso di unirsi nel chiedere insieme agli italiani un supporto per aiutare le popolazioni colpite delle Filippine.
AGIRE onlus è il coordinamento di 10 tra le più autorevoli e accreditate organizzazioni non governative italiane (ActionAid, Amref, CESVI, COOPI, GVC, Intersos, Oxfam, SOS Villaggi dei Bambini, Terre des Hommes e VIS) che hanno scelto di unire le proprie forze per intervenire in modo tempestivo sulle grandi emergenze umanitarie.  Per questa immane tragedia AGIRE ha attivato il suo network per intervenire tempestivamente. Tre organizzazioni non governative (Oxfam, Sos Villaggi dei Bambini, VIS) erano già presenti nelle aree colpite e altre tre (Cesvi, INTERSOS e GVC) si stanno attrezzando per raggiungerle dalle aree limitrofe del Sud est asiatico.
CROCE ROSSA ITALIANA (ente di diritto pubblico non economico, neutrale e indipendente che assicura sia aiuto umanitario e protezione alle vittime delle violenze armate sia assistenza sanitaria e sociale in tempo di pace), ha intensificato il suo supporto alla Croce Rossa Filippina, attiva su tutto il territorio nazionale. E' possibile sostenere il lavoro di assistenza umanitaria della organizzazioni di AGIRE e di CROCE ROSSA ITALIANA attraverso i seguenti canali:

- numero Verde 800.132.870 (dal lunedì al sabato dalle h.09.00 alle h.19.00)
- on-line: con carta di credito, Paypal o PagoInConto (per clienti del gruppo Intesa Sanpaolo) sul sito www.agire.it o www.cri.it
- in banca: con bonifico bancario su conto corrente IT79 J 03359 01600 100000060696 intestato a AGIRE onlus, presso BancaProssima, Causale: "Emergenza Filippine"
- in posta: con bollettino postale sul conto corrente postale n. 85593614 o bonifico postale al seguente IBAN IT 79 U 07601 03200 000085593614, intestato ad AGIRE ONLUS, Via Aniene 26/A - 00198 Roma, Causale: "Emergenza Filippine"

Le attività sul campo:

CRI La Croce Rossa Italiana sostiene quella Filippina che, in coordinamento con le autorità nazionali, si è immediatamente mobilitata per garantire le operazioni di soccorso, fornire accoglienza agli sfollati e distribuire beni di prima necessità alla popolazione. I soccorritori stanno inoltre tentando di raggiungere città e villaggi rimasti isolati a causa del tifone. Squadre di emergenza sono state dispiegate per far fronte a tutti gli aspetti delle operazioni di soccorso.

CESVI (Cooperazione e Sviluppo) ha iniziato una missione di assessment con i partner di Alliance2015 al fine di valutare le modalità e le priorità dell'intervento umanitario che si concretizzerà nella distribuzione di generi di prima necessità (tende, cibo, taniche per l'acqua, kit igienici ecc.) alla popolazione più duramente colpita dal tifone.

GVC (Gruppo di Volontariato Civile)  presente nel Sud Est Asiatico da oltre 20 anni con progetti di cooperazione internazionale e di risposta alle emergenze, in particolare di quelle causate da cambiamenti climatici (il Sud Est Asiatico registra l'incidenza più alta al mondo in termini di disastri naturali), accanto agli interventi legati all'emergenza, come la fornitura di cibo, alloggi e beni di prima necessità, GVC cerca di garantire l'autonomia delle comunità locali attraverso la ricostruzione e lo sviluppo.

INTERSOS ha attivato una rete di collaboratori e contatti locali e internazionali nella provincia di Eastern Samar area di Tacoblan per interventi nel settore dei ricoveri di emergenza, potabilizzazione dell'acqua e beni di prima necessità. In questo momento il team internazionale sta organizzando l'aiuto in collaborazione con rappresentanti della comunità filippina in Italia per identificare le aree colpite ma non raggiunte dalla risposta, identificando le categorie più vulnerabili così da dare loro priorità. Contemporaneamente si stanno valutando i bisogni per la fase successiva a quella della risposta di prima emergenza.

OXFAM già presente nelle Filippine si è subito attivata nelle ore successive al passaggio del tifone. Su richiesta anche del Governo locale, Oxfam ha inviato tre team di esperti (composti da 5 persone ciascuno) per fare una rilevazione rapida dei bisogni a Samar, Leyte e Cebu settentrionale, mentre il team di coordinamento umanitario è in procinto di spostarsi a Taclonban City. Lo staff di Oxfam già presente a Bohol in seguito al terremoto di Ottobre 2013 ha messo a disposizione Oxfam acqua, sanitation items (saponi, taniche, e kit igienici), materassi e coperte.

SOS Villaggi dei Bambini è attiva nelle Filippine dal 1967. Oggi gestisce 8 Villaggi SOS - rispettivamente a di Calbayog, Tacloban, Cebu, Davao, Iloilo, Bataan, Lipa e Manila - in cui accoglie un totale di 850 bambini e 221 ragazzi. Attraverso 11 Programmi di rafforzamento familiare aiuta oltre 6.000 persone, di cui più di 4.000 sono bambini e ragazzi fino ai 17 anni di età. Il Villaggio SOS di Tacloban, in cui sono accolti 100 bambini e ragazzi privi di cure familiari, ha subito gravi danni. I bambini e le famiglie sono al sicuro ma hanno bisogno di aiuti immediati.

VIS (Volontariato internazionale per lo sviluppo).Le due comunità salesiane delle Filippine collaborano con l'unità nazionale di crisi che gestisce le operazioni di soccorso, per aiutare gli sfollati che hanno perso tutto e sostenere chi ha perso anche i propri cari. Anche gli studenti, gli insegnanti e i collaboratori laici dei centri salesiani sono coinvolti nella raccolta, preparazione e confezionamento di generi di soccorso, che verranno inviati alle varie isole colpite dal tifone. Un primo lotto di 25.000 kit di primo soccorso è già pronto per essere spedito. A Cebu Minglanilla le religiose salesiane hanno aperto le palestre e le aule della scuola per accogliere gli sfollati, consolare gli afflitti e aiutare materialmente i bisognosi.

red/pc

(fonte:CRI)