Alluvione_Genova (fonte_foto: Croce_Rossa_Italiana)

Croce Rossa, annual report 2014: quasi 15 milioni di ore di servizio volontario

Il rapporto annuale delle attività della Croce Rossa italiana, presentato questa mattina, evidenzia per il 2014 un maggior impegno nell'attività di accoglienza migranti e sdi ostegno ai poveri e un imponente lavoro dei volontari: 14,7 milioni ore di servizio prestato con una media annua di 100 ore per ciascun volontario

E' stato presentato questa mattina a Roma, a Palazzo Chigi, l'Annnual Report della Croce Rossa italiana, cioè il documento che illustra tutte le attività svolte nell'anno passato da volontari e operatori CRI. Diversamente dagli anni precedenti, quest'anno il rapporto  è stato redatto con una modalità sperimentale. Oltre alla pubblicazione cartacea, già utilizzata negli anni precedenti, è previsto l'uso di una piattaforma gratuita, multimediale e su web, che accosta al valore del dato oggettivo raccolto sul campo, storie e percorsi interattivi utili affinché l'utente viva da vicino l'esperienza in Croce Rossa. La piattaforma è consultabile su sito istituzionale www.cri.it.
"L'avvicinamento alle nuove vulnerabilità, la crescita della qualità del nostro impegno e la mole dei nostri sforzi - ha dichiarato il presidente CRI Francesco Rocca - ci aiutano oggi a fronteggiare vecchie e nuove sfide con l'assillo dell'umanità, che è uno dei nostri sette princìpi. La Croce Rossa c'è ed è più forte di prima grazie alla sua tenacia, alla sua capacità resiliente e alla sua capillarità su tutto il territorio nazionale e internazionale, un front office per i vulnerabili. Lo si vede nel nostro racconto a immagini da cui emergono le varie sfaccettature di questa enorme famiglia rappresentata da quegli emblemi protettivi e oggi purtroppo sotto attacco, che rappresentano una Comunità non solo nostra, ma di tutti. Oggi il campo di battaglia di Solferino si è spostato in ogni angolo del globo, assumendo di volta in volta nomi diversi ma sempre con i tratti del conflitto e delle discriminazioni". 
Ecco in sintesi, alcuni dati del report:

Volontariato:  imponente l'impegno dei volontari nel 2014, complessivamente sono 14,7 milioni le ore di servizio prestato, con una media annua di 100 ore per ciascun volontario. Di queste, 9 milioni di ore sono state impiegate per l'attività sanitaria, protezione civile e risposta ai disastri; 2,5 milioni per le attività socio-assistenziali, 3 milioni per le attività dei Giovani, 120mila per la diffusione del Diritto Internazionale Umanitario, 25 mila per i progetti di cooperazione internazionale; 30mila per la comunicazione e il fundraising.
Emergenze nazionali: tra le emergenze affrontate a livello nazionale, la nuova alluvione che nell'ottobre 2014 ha colpito la Liguria. La Croce Rossa in quell'occasione ha effettuato 368 interventi con il supporto della Sala Operativa Nazionale (SON), impiegando 155 mezzi e strutture.
Accoglienza migranti:  nel 2014 la Croce Rossa ha accolto 133.694 persone con  920 i mezzi mobilitati e 348 gli sbarchi in cui  è intervenuta con l'impiego di  4.963 i volontari e operatori.
Crisi economica /homeless: la Croce Rossa ha risposto a circa 4 milioni di richieste di aiuto di persone in difficoltà economica e senza dimora, sostenendo continuativamente per tutto l'anno 511.000 persone con beni alimentari, indumenti, materiale scolastico, supporto per il pagamento di bollette e cure mediche.
Cooperazione internazionale: 
- inaugurazione ad Haiti, a Port-au-Prince, del "Village Haitien Solferino", ideato e finanziato dalla Croce Rossa Italiana: un insediamento urbano di 53 case per altrettante famiglie rimaste senza un tetto dopo il catastrofico terremoto del gennaio 2010;
- missione nel Kurdistan iracheno, dove erano presenti 1,2 milioni di profughi e 1,5 milioni di persone bisognose di aiuto: con 28 operatori e volontari, 21 mezzi utilizzati, la CRI ha distribuito ai profughi e agli sfollati più di 100mila pasti, promuovendo formazione e offrendo lavoro anche a 25 cittadini iracheni;
- collaborazione in Palestina con la Mezzaluna Rossa Palestinese per garantire supporto psicosociale in diversi centri, tra la West Bank e la Striscia di Gaza, per il miglioramento delle condizioni di salute di donne e bambini;
- altri programmi di cooperazione: la CRI ha aiutato 45mila persone in Giordania, 15mila in Iraq e 30mila in Libano.

Eventi:
 - Il 2014 è stato l'anno della celebrazione dei 150 anni dalla nascita della CRI e dalla firma della Prima Convenzione di Ginevra. celebrati con diversi eventi e festeggiamenti;
- 9° Conferenza Regionale Europea di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa: a giugno a Firenze la Croce Rossa Italiana è stata protagonista di questo incontro internazionale in cui 53 Società Nazionali europee e centro-asiatiche si sono confrontate sull'impatto umanitario della crisi economica in Europa e il ruolo della Croce Rossa nella risposta.

La Croce Rossa Italiana svolge, inoltre, una serie di attività che riguardano la protezione e la promozione della salute e della vita (diffusione delle manovre di primo soccorso, manovre salvavita pediatriche, campagne di educazione alla sicurezza stradale e di prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili), gestisce quattro Centri antiviolenza che offrono accoglienza, ascolto e sostegno a donne e minori. e ha raccolto i  fondi attraverso i progetti realizzati con Selex. Land Rover, Coca Cola HBC Italia.
Alcuni dati significativi del 2014:
- 660 Comitati (un Comitato Centrale, 19 Comitati Regionali ai quali si aggiungono i 2 Comitati Provinciali di Trento e Bolzano, 103 Comitati Provinciali, 536 Comitati Locali);
- 2.788 dipendenti, 9988 mezzi, 8 delegazioni internazionali, 57 progetti di cooperazione allo sviluppo;
- 14,7 milioni di ore annue di servizio prestato dai volontari.

red/pc

(fonte: CRI)