Deragliamento a Merano: sostegno finanziario alle famiglie

Sostegno finanziario alle famiglie colpite dal lutto e da conseguenti difficoltà economiche, assistenza nei casi di procedimenti legali per il riconoscimento di risarcimenti, decreti per garantire la circolazione tra Malles e Merano: sono alcune delle misure che la Giunta provinciale ha deciso ieri sera nella seduta straordinaria dopo il tragico incidente ferroviario in Val Venost

Al termine della seduta straordinaria della Giunta provinciale, il presidente Luis Durnwalder e gli assessori Thomas Widmann e Richard Theiner - reduci da una giornata sul luogo del disastro - hanno illustrato le prime iniziative urgenti assunte dal Governo provinciale: "Il cordoglio e la vicinanza alle famiglie delle vittime e dei feriti - ha detto Durnwalder - viene espresso anche in termini concreti: la Giunta ha deciso di esaminare caso per caso la situazione delle famiglie colpite dal lutto e che a seguito dell'incidente si troveranno in difficoltà economiche. A loro la Provincia assicurerà un sostegno finanziario adeguato." La Giunta intende sostenere i familiari dei passeggeri del treno deragliato anche nei casi di procedimenti legali che vorranno intentare per l'individuazione delle responsabilità della tragedia e il riconoscimento di risarcimenti: "Si tratta di iter lunghi che richiedono impegni finanziari immediati che spesso una famiglia non può permettersi", ha ricordato Durnwalder. La Giunta ha inoltre preso contatto con il vescovo diocesano Karl Golser e concordato per domani - proclamata giornata di lutto in Alto Adige con bandiere a mezz'asta su tutti gli edifici della Provincia - una celebrazione religiosa alle 19 nella chiesa parrocchiale di Silandro, presieduta dallo stesso monsignor Golser. "Come Giunta chiediamo al Consiglio provinciale di rinviare in segno di lutto le sedute previste questa settimana - ha detto Durnwalder - e confido nella sensibilità dei capigruppo." Parallelamente gli Assessorati provinciali sono invitati a ridurre al minimo possibile, fino allo svolgimento dei funerali, le manifestazioni pubbliche già programmate.

Infine con due decreti predisposti dall'assessore Widmann e firmati dal presidente Durnwalder la Giunta intende garantire la circolazione nella zona interessata dal deragliamento: i servizi di mobilità vengono assicurati con collegamenti ferroviari ogni ora tra Malles e Laces nonché tra Merano e Castelbello, che si incrociano con un servizio sostitutivo di autobus ogni mezz'ora tra Castelbello e Laces. In tal modo viene assicurata una corsa ogni 30 minuti. "Vogliamo fare tutto il possibile e il più presto possibile per ripristinare il traffico su rotaia, e confidiamo che sia questione di qualche settimana e non di mesi", ha concluso Durnwalder.

Fino alle 23 di oggi resta in vigore il numero verde 800751751 attivato dalla Protezione civile provinciale per fornire informazioni sulle persone rimaste conivolte nel terribile incidente.

(red.)