Disastro Val Rosandra,
i pm: otto responsabili

Nel registro degli indagati per "distruzione di habitat all'interno di un sito protetto", figura il vicepresidente della Regione Friuli e assessore alla protezione civile Luca Ciriani

Sono giunte a conclusione le indagini aperte dalla magistratura per il presunto scempio ambientale compiuto in Val Rosandra, in Friuli. L'intervento di pulizia dell'alveo del torrente Rosandra, nell'omonima valle alle porte di Trieste, realizzato dai volontari della Protezione Civile il 24 marzo scorso aveva infatti suscitato la rabbia di ambientalisti e residenti, che avevano presentato una denuncia per appurare le responsabilità di quanto compiuto.

Secondo il Pm esistono i presupposti per un rinvio a giudizio di 8 persone, accusate di essere responsabili di "distruzione di habitat all'interno di un sito protetto". Nel registro degli indagati figura il vicepresidente della Regione e assessore alla Protezione civile, Luca Ciriani, che firmando il decreto del 16 marzo 2012 aveva autorizzato l'operazione "Alvei puliti". Secondo l'accusa il provvedimento è stato preso in "mancanza di urgenza e dello stato di emergenza e pertanto utilizzando impropriamente e illegittimamente i poteri della Protezione civile". Ciriani ha sempre respinto con forza le accuse, sostenendo che l'intervento andava fatto.

Oltre a Ciriani nel provvedimento di chiusura indagini vi sono i nomi di Guglielmo Berlasso, direttore regionale della Protezione civile, e poi quelli del sindaco e del vicesindaco di San Dorligo della Valle, Fulvia Premolin e Antonio Ghersinich. Il pm ha indicato tra gli accusati anche il geometra Mitja Lovriha, caposervizio dell'area ambiente e lavori pubblici del Comune di San Dorligo nel quale erano stati abbattuti decine di alberi di alto fusto, e i funzionari della Protezione civile regionale Cristina Trocca e Adriano Morettin. Infine vi è il nome di Loris Bombardier, titolare della ditta specializzata di Arta Terme che aveva provveduto materialmente al taglio degli alberi, praticamente radendo al suolo tutta l'area.

Red - ev