Dispersi da 5 mesi sul Dome des Ecrins, ritrovati due dei tre alpinisti italiani

Le squadre del Soccorso Alpino francese hanno recuperato ieri i corpi di due dei tre alpinisti dispersi sul Dome des Ecrins dal 25 novembre scorso

Francesco Cantù, Luca Gaggianese e Damiano Barabino: sono i tre alpinisti italiani dispersi dalla sera di domenica 25 novembre 2012 sul Dome des Ecrins nelle Alpi del Delfinato, in Francia.

Dopo 5 mesi lo scioglimento di neve e ghiaccio ha fatto riemergere i corpi di due di loro: Luca Gaggianese, 49 anni, istruttore Cai di Milano, e Damiano Barabino, 32 anni, cardiologo di Genova.

I corpi sono stati individuati mercoledì dal Soccorso Alpino francese, ma recuperati e identificati solo ieri. I due alpinisti sono stati rinvenuti a 3.500 metri di quota, nei pressi della goulotte Boivin, ancora attaccati alla corda e a 50 metri l'uno dall'altro. Nessuna traccia invece del terzo alpinista, Francesco Cantù, 41 anni, milanese, primario di cardiologia all'ospedale di Lecco. Gli uomini del Soccorso Alpino francese hanno scandagliato la zona senza alcun esito, ma le ricerche proseguiranno.

I tre compagni avevano raggiunto il 25 novembre scorso la vetta del Dome des Ecrins, a 4.102 metri d'altezza, ma sono stati poi sorpresi da una bufera di neve accompagnata da forti raffiche di vento. Un tempo che ha azzerato la visibilità, impedendo anche ai soccorsi, allertati dagli stessi alpinisti, di portarsi in loco per recuperarli: la scarsa visibilità, il vento e la neve non hanno permesso all'elicottero di alzarsi in volo, ma anche la zona impervia e l'eccessivo rischio valanghe ha impedito a squadre a piedi di tentare il salvataggio. I tentativi di ricerche fatti in quei giorni, appena le condizioni metereologiche concedevano una schiarita, non hanno permesso di trovare i tre amici, probabilmente già coperti dalla neve e dal ghiaccio.


Redazione/sm