Fonte Dpc

Dpc, alluvione Marche proseguono le attività a supporto dei territori

Oltre 1290 le unità di personale del Servizio Nazionale di Protezione Civile impiegate sul campo. Le squadre specializzate delle diverse strutture operative del Servizio Nazionale sono ancora impegnate nelle operazioni di pulizia delle strade e di recupero e smaltimento dei rifiuti misti

Proseguono le attività del Dipartimento nazionale di Protezione Civile a supporto dei territori e delle comunità interessate dall’ondata di maltempo che ha colpito la Regione Marche e, in particolar modo, le province di Ancona e di Pesaro Urbino.

Le squadre specializzate delle diverse strutture operative del Servizio Nazionale sono ancora impegnate nelle operazioni di pulizia delle strade e di recupero e smaltimento dei rifiuti misti nei numerosi comuni interessati, e in particolare su Senigallia e Ostra. Intanto continuano incessantemente le operazioni dei Vigili del fuoco, con il supporto delle organizzazioni di volontariato, per le ricerche dell’ultima persona che risulta ancora dispersa. Sono complessivamente oltre 1290 le unità di personale del Servizio Nazionale di Protezione Civile impiegate sul campo. Di queste circa 280 afferiscono alle Colonne Mobili delle Regioni Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Umbria e Toscana, mentre il concorso delle squadre specializzate di Anpas, Cisom, Vab, Ana, Misericordie, Cri e delle associazioni di volontariato della Regione Marche è garantito dalla presenza di oltre 350 volontari.

Red/cb
(Fonte: Dpc)