(foto: bbc)

Ebola, Lorenzin ribadisce: ''nessun pericolo in Italia''. Emergency: guarite due ragazze in Sierra Leone

L'Ebola non si prende camminando per strada e l'Italia è fuori pericolo, ribadisce il ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Inoltre dall'Ebola si può anche guarire: l'esperienza di Emergency in Sierra Leone

"Per quanto riguarda l'Italia, non c'è da preoccuparsi. Ci tengo a ribadirlo: non stiamo vivendo un'emergenza. Non è che una persona camminando per strada si prende il virus dell'Ebola". A dirlo è il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Il virus infatti non si trasmette per via aerea, ma attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei di una persona infetta, e solo quando il paziente presenta già i sintomi della malattia.

"E' invece estremamente allarmante la situazione nell'Africa dell'ovest. Poichè l'epidemia crescerà - ha aggiunto Lorenzin -. Noi dobbiamo attrezzarci per l'evacuazione dei nostri medici e operatori qualora fossero infettati. E' per questo che ho chiesto una riunione della commissione Salute in Europa per capire se possiamo immaginare nuovi tipi di tracciabilità per i passeggeri che provengono da questi Paesi". Il ministro, sottolineando che l'ospedale Spallanzani di Roma e il Sacco di Milano sono in grado di affrontare le emergenze di questo tipo, ha sottolineato che si stanno predisponendo "delle misure di controllo e coordinamento degli spostamenti delle persone rispetto ad una previsione di incremento dell'epidemia in Africa".

Intanto però è importante sapere che dall'Ebola si può anche guarire. Le notizie più recenti le dà Emergency: due ragazze sono state dimesse dal Centro per la cura dei malati di Ebola a Lakka, in Sierra Leone. "Dopo giorni di isolamento e di cure, con la paura di non farcela, finalmente possono uscire, tornare a casa e a vivere" scrive l'organizzazione umanitaria.


Redazione/sm