Fonte archivio sito

Ema, in giornata darà l'ok al vaccino Astrazeneca

Il comitato di valutazione dell'agenzia europea dei medicinali dovrebbe dare l'approvazione al vaccino Oxford-AstraZeneca-Irbm ma resta aperto il nodo sulla fascia di età più adatta alla quale somministrarlo

Mentre prosegue da giorni il braccio di ferro tra Commissione Europea e la multinazionale britannico svedese Astrazeneca per la consegna delle dosi e la pubblicazione del contratto stipulato con l'Unione Europea, dovrebbe arrivare proprio nella giornata di oggi, venerdì 29 gennaio, l'approvazione dell'Ema al vaccino anti-Covid Oxford-Astrazeneca-Irbm.

Dubbi sulla fascia di età
Il Comitato per i farmaci ad uso umano (Chmp) dell’Ema è riunito dall’inizio della settimana e sta anche valutando di porre un limite di somministrazione: aprendo la vaccinazione solo alla fascia di persone tra i 18 e i 65 anni. In questo modo gli over 65 sarebbero esclusi dalle vaccinazioni, un problema per la fase 2 del piano vaccini che si rivolge agli over 80. I primi dubbi sul vaccino Astrazeneca risalgono a una valutazione del governo tedesco che valutava un'efficacia dell'8% del farmaco per le persone sopra i 55 anni. Adesso anche l'Ema gela gli entusiasmi: "Gli studi compiuti hanno una quantità molto ridotta di soggetti anziani. Il nostro comitato scientifico sta esaminando però i dati nel loro insieme, per comprenderne il significato". "Sul parere per il vaccino di Astrazeneca, è possibile che venga emessa un'autorizzazione rivolta ad un gruppo di età o per una popolazione più ampia. Non voglio pregiudicare il risultato della valutazione, perché l'analisi scientifica a livello di esperti è ancora in corso", ha detto la direttrice dell'Ema, l'Agenzia europea per i medicinali, Emer Cooke.


Red/cb

(Fonte: Repubblica, Il Sole 24 Ore)