foto: ilgiornaledellaprotezionecivile.it

Emergenza caldo: oltre 1300 i cittadini che si sono rivolti al servizio "1500" del Ministero

Personale altamente qualificato e appositamente formato, per soddisfare le richieste più complesse in tema di disagi da caldo eccessivo: medici, veterinari, farmacisti, chimici, biologi e psicologi risponderanno al numero gratuito 1500 messo a disposizione dei cittadini dal Ministero della salute

Sono oltre 1300 i cittadini che si sono rivolti al numero 1500, il servizio di risposta al cittadino del Ministero della Salute. "Estate sicura 2015: come vincere il caldo".
Per fronteggiare l'emergenza caldo, a partire dal 6 luglio scorso,
il Ministero ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 a cui risponde personale altamente qualificato e appositamente formato, in grado di soddisfare le richieste di informazione di base, e anche dirigenti sanitari (medici, veterinari, farmacisti, chimici, biologi e psicologi), per soddisfare le richieste più complesse.
"Si tratta prevalentemente - rende noto il Ministero della Salute -  di persone anziane con malattie croniche quali diabete, ipertensione, malattie cardiache, bronchite cronica, asma allergico, che dichiarano di essere sole. Le chiamate sono giunte soprattutto dal centro e dal nord Italia, che sono le zone geografiche con i rialzi termici più significativi. Le conversazioni hanno trattato dei rischi per la salute correlati con le ondate di calore, i bollettini del sistema di allarme e prevenzione, i servizi attivati per la stagione estiva a favore delle persone anziane. Sono pervenute alcune richieste di informazione sui rischi per la salute cui sono esposti i lavoratori che svolgono un'attività intensa all'aperto e sulle misure da adottare per prevenirli. Poche le richieste di informazione sui servizi territoriali di Igiene Pubblica. Poco significative le richiesti di informazioni per chi si mette in viaggio. Tra le richieste alcune hanno riguardato gli animali domestici ed in particolare quali misure da adottare per evitare conseguenze negative per la salute correlate alle ondate di calore. Sono state fornite indicazioni per migliorare il microclima ambientale e l'alimentazione. Le consulenze telefoniche hanno affrontato le misure generali di prevenzione correlate con la malattia e riguardanti la dieta, il controllo della pressione arteriosa, l'idratazione, l'assunzione dei farmaci. In talune circostanze le indicazioni sono state quelle di rivolgersi al medico curante o in caso di urgenza alla guardia medica di cui è stato fornito anche il riferimento telefonico.

Il servizio 1500 è gratuito e attivo tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00, sabato e domenica compresi.

Sul sito del ministero alla pagina "ondate di calore", tutte le informazioni necessarie per affrontare al meglio i disagi dovuti alla calura estiva, con i livelli di rischio,  le linee guida e raccomandazioni, il piano operativo nazionale e i piani locali, la mappa dei servizi sul territorio e i bollettini.

red/pc