Emergenza frane: cadono massi in Liguria e Alto Adige

In Liguria nella notte una frana ha bloccato il traffico sull'A12, mentre in Alto Adige sono franati massi grandi come case

Moltissime le frane che in questi giorni stanno interessando diverse regioni italiane causando danni e diversi pericoli.

La Liguria, già duramente colpita dall'ultima ondata di maltempo a livello di frane e allagamenti, ha visto questa notte un'altra grossa frana staccarsi tra Sestri Levante (in provincia di Genova) e Deiva Marina (in provincia di La Spezia) e cadere sull'autostrada A12. Nella notte il traffico sull'autostrada è stato bloccato ed è ripreso lentamente stamattina intorno alle 9.  Mezzi e tecnici della società autostrade hanno attivato uno scambio di carreggiata in modo tale da superare il tratto interessato dalla caduta di massi e terriccio. La frana è stata stimata in migliaia di metri cubi.
Sempre in Liguria è ancora bloccata, e lo rimarrà per almeno 2 mesi, la linea ferroviaria verso la Francia a causa della frana che nel comune di Andora ha fatto deragliare un Intercity settimana scorsa. A riferire i tempi per la messa in sicurezza è stato il Presidente della Liguria, Claudio Burlando. A breve inoltre partiranno i lavori per la rimozione del convoglio in bilico sui binari a picco sul mare.

In Alto Adige sono invece franati massi per un totale di 3.000 - 4.000 metri cubi sulla frazione Ronchi nel comune di Termeno. I massi, grandi come case, hanno sfiorato degli edifici agricoli senza danneggiarli in modo serio. Fortunatamente nessuna persona è rimasta coinvolta. La strada provinciale tra Termeno e Cortaccia è stata chiusa per motivi di sicurezza.
L'assessore provinciale alla Protezione civile Arnold Schuler si sta recando sul posto per un sopralluogo dove i geologi provinciali con amministratori e vigili del fuoco stanno già valutando la situazione.
Al momento viene presa in considerazione una detonazione della rimanente torre rocciosa, alta 15-20 metri, perchè "è ancora instabile, visto che la sua base è notevolmente sradicata" spiega David Tonidandl, geologo della Provincia.
Il maltempo degli ultimi mesi è responsabile anche in Alto Adige di numerose frane.


Redazione/sm