Emergenze e disabilità:
accordo fra DPC e FIABA

Gestire la disabilità in emergenza, adeguare modelli e strumenti operativi della protezione civile in base alle esigenze delle persone disabili: queste alcuni dei fondamenti su cui si basa l'accordo siglato dal Dipartimento della Protezione civile e dal Fondo italiano abbattimento barriere architettoniche

Come vive un disabile un'emergenza improvvisa? Quali difficotà deve affrontare? I protocolli di gestione delle emergenze tengono conto delle esigenze delle persone con disabilità?
La tematica della disabilità in situazioni emergenziali è più che mai attuale e al
Dipartimento della Protezione Civile è da tempo materia di attenzione e studio. Fra le iniziative che si stanno portanto avanti a  questo riguardo, c'è il protocollo d'intesa, siglato ieri 6 dicembre,  tra il Dipartimento e Fiaba - Fondo italiano abbattimento barriere architettoniche, sottoscritto dal Capo Dipartimento Franco Gabrielli e dal Presidente di Fiaba Onlus Giuseppe Trieste.

"L'accordo - come spiega lo stesso DPC - mira a diffondere la cultura della diversità come elemento di arricchimento per il tessuto sociale e a contrastare le "barriere", fisiche e culturali, incentivando la nascita di servizi accessibili e fruibili da tutti. Il Dipartimento e Fiaba si impegnano ad  adeguare modelli e strumenti operativi del sistema di protezione civile alle esigenze delle persone con disabilità così da migliorare l'efficienza delle attività di soccorso e di assistenza in caso di emergenza".

La firma di questo protocollo è un ulteriore elemento di attenzione del Dipartimento della Protezione Civile al mondo della disabilità: già da due anni, infatti, il DPC ha costituito un'Unità di interfaccia con il mondo della disabilità al lavoro per la verifica dei requisiti di accessibilità di alcuni strumenti di comunicazione del Dipartimento della Protezione Civile, tra cui il sito istituzionale e il Contact Center, e alla individuazione di modelli per la gestione delle emergenze che tengano conto delle esigenze delle persone con disabilità.
"In particolare - spiega ancora il DPC - è stato avviato uno studio per verificare l'attenzione alle persone disabili nella comunicazione e pianificazione in emergenza con l'obiettivo di definire delle buone pratiche rivolte alle regioni e agli enti territoriali".



red/pc