fonte foto: UNHCR

Emilia-Romagna: università accessibili per gli studenti rifugiati

Al via in Emilia-Romagna, grazie a un protocollo interateneo, la sperimentazione di un modello di accoglienza e accompagnamento rivolto agli studenti rifugiati

Un importante protocollo d'intesa è stato siglato lo scorso 29 aprile fra le Università di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia e Parma ed Er.Go, l'Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori della Regione Emilia-Romagna.
L'accordo riguarda la sperimentazione di un modello di servizio di accoglienza e accompagnamento in favore di studenti in protezione internazionale e complementare, i cosiddetti rifugiati.
Infatti, a partire dal prossimo anno accademico 2021/2022, attraverso l’istituzione di un tavolo tecnico congiunto,  sarà progettato, coordinato e sperimentato un sistema integrato di interventi relativi, ad esempio, all'orientamento in entrata dello studente, al tutorato, ai servizi abitativi, ecc.
Il tutto con strumenti e risorse specifici per questo particolare target di studenti.

Il Protocollo prevede la garanzia di servizi e standard di qualità omogenei dando concretezza alle azioni di inclusione, non discriminazione e valorizzazione delle differenze che si ispirano ai principi del Manifesto per l’Università inclusiva, un documento sottoscritto da diversi atenei italiani, per favorire l’accesso dei rifugiati all’istruzione universitaria e alla ricerca promuovendo così l’integrazione sociale e la partecipazione attiva alla vita accademica.

Il nuovo  protocollo è un altro segmento della più ampia collaborazione tra gli Atenei ed Er.Go:
già negli ultimi anni, attraverso singole Convenzioni, è stato possibile realizzare servizi specifici per gli studenti in protezione internazionale e complementare e dare vita alla nascita della prima edizione di UNI-CO-RE (University Corridors for Refugees - Corridoi universitari per studenti rifugiati).
Uni-Co-Re è  un progetto che permettere agli studenti rifugiati in Etiopia di arrivare in Italia con un percorso di ingresso regolare e sicuro e proseguire  qui i loro studi. Nel 2021 vi  hanno aderito 24 università italiane consentendo così a 43 studenti rifugiati dall’Etiopia di proseguire gli studi in Italia.

red/pc

(fonti: Er.Go - Unhcr)