fonte foto: ecoaltomolise.net

Enel: ad ogni Regione un recapito diretto per le emergenze di protezione civile

Personale ENEL preparato e formato per la gestione delle emergenze di protezione civile: da ora in poi ogni Regione disporrà di un recapito diretto e a conoscenza delle esigenze del territorio a cui rivolgersi per risolvere in tempi brevi le urgenze relative all'erogazione dell'energia elettrica

Un "recapito d'emergenza" a disposizione delle Regioni per tutte le questioni di protezione civile che riguardano le infrastrutture Enel  con operatori competenti che rispondono h24, sette giorni su sette: è il nuovo servizio attivato da Enel e presentato lo scorso luglio  in occasione della riunione della Commissione speciale di protezione civile della Conferenza delle Regioni. Grazie al numero unico di Enel le sale operative regionali avranno quindi a disposizione durante le emergenze un contatto diretto e, soprattutto, personale preparato e formato. Operatori che resteranno operativi anche "in tempo di pace", una volta chiusa la fase emergenziale.

"L'obiettivo - spiega il Dipartimento della protezione civile  - è quello di velocizzare e snellire le procedure, perché ovviamente gli operatori sapranno già quali sono le esigenze della Regione che chiama e potranno smistare le segnalazioni agli uffici competenti, garantendo interventi quasi in tempo reale".

Durante la riunione della Commissione speciale è stato presentato anche l'elenco dei referenti regionali Enel per le questioni di protezione civile: i referenti potranno essere coinvolti nelle attività dei centri di coordinamento dell'emergenza, nell'organizzazione e preparazione delle esercitazioni e più in generale nelle diverse attività di pianificazione di protezione civile.
L'intensificarsi della collaborazione tra Enel e il Sistema di protezione civile rientra nell'ambito del protocollo d'intesa di durata biennale firmato nel giugno del 2014 dal Capo Dipartimento della Protezione Civile e dall'Amministratore delegato di Enel, con l'obiettivo di rafforzare i rapporti di cooperazione e la definizione dei piani di emergenza specifici per i vari rischi che impattano sul servizio elettrico.


L'istituzione del numero unico verrà formalizzata nelle prossime settimane con una circolare del Dipartimento della Protezione Civile alle Regioni.

red/pc
(fonte: DPC_sito web)