(fonte: youtube.com)

Enorme tragedia in Afghanistan: 286 vittime delle valanghe

Sono 286 le persone morte sotto le valanghe staccatesi settimana scorsa in Afghanistan, e il bilancio potrebbe ancora salire. Kabul ha dichiarato 3 giorni di lutto nazionale

Un'ecatombe. Sono quasi 300 le persone morte sotto le valanghe che si sono staccate settimana scorsa in Afghanistan, travolgendo numerosi villaggi. Il dato ufficiale diffuso dalle autorità locali parla di 286 vittime e di 143 feriti, ma il bilancio potrebbe ancora peggiorare. Secondo le prime stime sono 1.248 le case andate completamente distrutte, mentre la regione più colpita risulta essere quella settentrionale del Panjshir, dove si contano 186 morti. Le valanghe sono state provocate da una forte ondata di maltempo che ha colpito il Paese e, oltre ai villaggi travolti, ne hanno completamente isolato altri interrompendo i collegamenti stradali.

In soccorso delle zone colpite stanno intervenendo gli elicotteri dell'esercito che trasportano medicine, coperte e altri generi di prima necessità.

Una tragedia che ha spinto il presidente Ashraf Ghani ad annullare una visita ufficiale in Iran, "questo non è il momento di partire ma di restare accanto al popolo che ha sofferto per un disastro naturale" e a dichiarare 3 giorni di lutto nazionale. Kabul, non avendo i mezzi economici per aiutare tutte le persone colpite dalla calamità, ha aperto un fondo speciale per ricevere aiuti dall'estero per affrontare la crisi e mettere a punto programmi di assistenza. Il Pakistan ha già annunciato l'invio di aiuti.


Redazione/sm