Filippine: 4 mila vittime e 275 miliardi di danni

Nel paese ora si teme che l'emergenza sanitaria possa diventare epidemia. Le immagini dal satellite, raccolte anche dai ricercatori dell'ITHACA Torino, mostrano gli effetti del tifone

E' di oltre 4mila vittime, secondo i dati ufficiali diffusi dalle autorità, il bilancio del tifone "Hayan", che ha colpito le Filippine. Secondo i dati di Manila la conta dei morti è salita a 4011 persone. I feriti sarebbero 18 557. Ai numeri della catastrofe vanno aggiunte anche altre 1602, date per disperse.

L'emergenza è tutt'altro che passata. Tanti Stati hanno inviato il loro contributo per aiutare la popolazione delle Filippine - Italia compresa - ma sono migliaia le associazioni private e libere sorte all'indomani del tifone per prestare aiuto concreto. La situazione resta estremamente difficile e lo scenario è complicato da problemi sanitari. I centri medici delle regioni colpite sono in gran parte fuori uso e ora le istituzioni filippine temono il diffondersi di epidemie.

L'allarme sanitario.
Nonostante la massiccia campagna di aiuti, il scenario d'intervento è troppo grande per assicurare le condizioni minime di assistenza per tutta la popolazione: sono tra i 9 e i 13 milioni le persone colpite dal Tifone Haiyan e le regioni interessate sono nove. L'emergenza è concentrata nelle Regioni Eastern, Western e Central Visayas, dove risultano sfollate quasi quattro milioni di persone. Secondo il National Disaster Risk Reduction and Management Council (NDRRMC) le persone sfollate sono 3.946.146: 72.986 famiglie (349.870 persone) hanno trovato rifugio in 1.530 centri di accoglienza, mentre restano prive di un riparo 763.626 famiglie. I pochi medici a disposizione hanno richiesto il supporto dei colleghi stranieri, chiamati ad intervenire. L'allarme sanitario riguarda la gestione degli infortuni, il prevenire la diffusione delle malattie trasmissibili, i servizi sanitari e la salute mentale dei bambini e delle madri. E' emergenza anche per quanto riguarda i parti: ad oggi l'Eastern Visayas Regional Medical Center è l'unico ospedale operativo nella città di Tacloban. E le donne in gravidanza sono più di 360 mila.

Il danno economico.
Il danno economico per il Paese è importante: le prime stime parlano di 275 miliardi di dollari. Ma l'economia del paese asiatico potrebbe avere pesanti ripercussioni anche nei prossimi anni. Sono circa 648 000 edifici sono stati distrutti o danneggiati dal tifone. Anche l'Europa ha messo in campo una serie di esperti e tecnologie per valutare i danni provocati dal tifone. La Emergency Crisis Room di Bruxelles è stata attivata alle ore 6:00 UTC dell'8 novembre, producendo in seguito circa 30 mappe satellitari che illustrano gli effetti del tifone, tramite gli sforzi combinati dell' e- GEOS Emergency Management Team, operatori della GAF in Germania e di ITHACA a Torino. Grazie all'acquisizione di immagini ottiche ad altissima risoluzione, è stato possibile fornire dati altamente dettagliati per la valutazione dei danni in diverse città e di singoli edifici a Tacloban City.


Red/wm